Cervello: le tracce lasciate dalla paura di morire

Cervello: le tracce lasciate dalla paura di morire

Uno studio svedese che ha preso in considerazione i sopravvissuti allo tsunami ha messo in evidenza che la paura di morire lascia tracce nel cervello che durano nel tempo in termini di conseguenze psicologiche

da in Cervello, Mente, News Salute, Paura, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    paura cervello 150x133

    La paura agisce sul cervello, lasciando tracce evidenti. Il discorso vale specialmente per le paure molto forti e che si provano in quelle situazioni che mettono in serio pericolo e in cui si pensa di stare per morire. Ad affermare tutto ciò è uno studio svedese del Center for Family and Community Medicine del Karolinska Institute.

    I ricercatori hanno preso in considerazione diverse persone che sono sopravvissute allo tsunami del 2004 e hanno verificato che l’evento angoscioso ha determinato in molti di loro delle conseguenze psicologiche che durano nel tempo. In alcuni casi queste conseguenze tendono a manifestarsi anche indipendentemente dal fatto di essere stati realmente in pericolo di vita. Basta in sostanza semplicemente la minaccia e non conta molto la portata del rischio vero e proprio che si corre. Già altri studi avevano messo in evidenza i danni psicologici determinati da un’esperienza traumatica.

    La ricerca svedese ha spiegato come i disturbi possono durare a lungo. Difficoltà ad addormentarsi, incubi, disturbi dell’umore: tutti elementi che rivelano il manifestarsi di un disturbo post-traumatico da stress. É normale che un’esperienza terribile abbia bisogno di tempo per essere elaborata. Tuttavia, se il tutto persiste a lungo nel tempo, magari ci troviamo di fronte a dei casi in cui non ha funzionato qualcosa nei processi mentali di elaborazione psicologica.

    È fondamentale pertanto agire in modo adeguato fin dai primi momenti che seguono un disastro o un evento traumatico in generale. Gli esperti sono in grado fin dall’inizio di individuare le persone più a rischio, in modo da poter attuare fin da subito le strategie di valutazione e di terapia efficaci ad evitare che i danni psicologici durino nel tempo.

    343

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloMenteNews SalutePauraPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI