NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Cervello: le donne riconoscono meglio gli errori

Cervello: le donne riconoscono meglio gli errori

Un esperimento ha dimostrato che le donne riconoscono più in fretta gli errori grazie all’attivazione dei neuroni specchio delle aree del cervello deputate all’affettività

da in Cervello, Neuroni, Psicologia, Ricerca Medica, Salute Donna
Ultimo aggiornamento:

    donne lavoro

    Una ricerca condotta presso l’Università di Milano – Bicocca e che si è avvalsa della collaborazione dell’istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Cnr di Milano ha svelato il modo in cui il cervello delle donne si avvicina agli errori. La conclusione a cui si è arrivati è che le donne riconoscerebbero più in fretta gli errori rispetto agli uomini.

    Gli studiosi hanno coinvolto nella ricerca degli studenti di entrambi i sessi, il loro compito era quello di osservare delle immagini, mentre dei sensori si occupavano di monitorare la loro attività cerebrale. Le immagini che venivano mostrate ai soggetti ritraevano persone che compivano normali azioni della vita quotidiana. Accanto a queste venivano inoltre visualizzate delle immagini che riproducevano azioni senza senso.

    Nessuno chiedeva agli studenti di distinguere i due tipi di immagini, ma si è visto che i soggetti coinvolti nell’esperimento erano portati in modo naturale ad operare un riconoscimento dell’errore. In sostanza il loro cervello si attivava in corrispondenza della visualizzazione dell’immagine priva di senso ed era in grado di riscontrare la presenza di qualcosa che non andava.

    L’aspetto interessante della vicenda è che le donne hanno impiegato meno tempo nel mettere in atto riconoscimenti di questo tipo.

    Il loro tempo di reazione era inferiore ai 200 millisecondi che di solito occorrono per rendersi conto dell’errore.

    In particolare nelle donne si attivavano i neuroni specchio, che ci portano ad entrare in empatia con gli altri. Questi neuroni attivati si trovano soprattutto nelle aree cerebrali deputate all’affettività, ossia la corteccia cingolata e il sistema limbico.

    Immagine tratta da: gazzettadellavoro.com

    360

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloNeuroniPsicologiaRicerca MedicaSalute Donna
    PIÙ POPOLARI