Cervello: la differenza in quello dei criminali

Cervello: la differenza in quello dei criminali

Una recente ricerca è riuscita ad individuare nel cervello dei criminali dei difetti strutturali a livello del fascicolo uncinato, che possono spiegare i comportamenti criminali

da in Cervello, Comportamento, Mente, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    cervello

    Fino ad ora sono stati condotti vari studi in merito al cervello di individui che hanno commesso atti criminali di vario genere. Lo scopo di questi studi era quello di capire se ci fossero delle differenze rispetto alla mente di altri individui, che invece non erano stati responsabili di azioni criminali. Tutti gli studi condotti in passato non avevano riscontrato differenze significative.

    Una recente ricerca portata avanti dai ricercatori inglesi del King’s College London dimostra invece che c’è una particolare differenza e che un indubbio valore va attribuito a caratteristiche biologiche sui cui influiscono fattori prettamente ereditari. In questo modo si potrebbero spiegare i motivi che sono alla base dei comportamenti criminali.

    Gli studiosi hanno rivolto la loro attenzione al fascicolo uncinato, una regione cerebrale che costituisce una sorta di ponte tra l’amigdala e la corteccia orbitofrontale. Fino ad oggi quest’area non era stata tenuta molto in considerazione negli studi sul cervello dei criminali, ma più che altro erano state analizzate altre regioni cerebrali come l’amigdala e la corteccia orbitofrontale.

    Utilizzando una specifica tipologia di risonanza magnetica i ricercatori, coordinati da Michael Craig, hanno potuto verificare che i soggetti che avevano commesso atti criminali presentavano dei difetti strutturali a livello del fascicolo uncinato.

    Queste anomalie erano più evidenti in base alla gravità e alla crudeltà del crimine.

    Questa ricerca è sicuramente un passo importante nell’ambito dello studio della psicopatologia criminale, in quanto aiuta ad una comprensione maggiore delle azioni frutto di comportamenti che trovano la loro spiegazione nella struttura cerebrale.

    Immagine tratta da: venetidelmondo.com

    320

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloComportamentoMentePrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI