Cervello: l’uso del cellulare altera le funzioni cerebrali

Cervello: l’uso del cellulare altera le funzioni cerebrali

L’utilizzo assiduo e prolungato del telefono cellulare, per più di 50 minuti consecutivi, potrebbe essere deleterio per il cervello: questa abitudine rischia di alterare le funzioni cerebrali

da in Cervello, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    L'uso prolungato del cellulare altera le funzioni del cervello

    L’utilizzo del telefono cellulare, se troppo frequente e prolungato può essere dannoso? Sì, almeno stando ai risultati di un recente studio a stelle e strisce. La scienza conferma i timori e le preoccupazioni che, negli ultimi anni, hanno diviso e infiammato i dibattiti su questi immancabili accessori tecnologici: i telefonini, se utilizzato in modo assiduo e prolungato, possono alterare sensibilmente l’attività cerebrale.

    Finora, ogni dubbio, ogni timore avanzato sui riflessi negativi dell’utilizzo quotidiano e costante dei telefoni cellulari sono sempre stati etichettati come infondati e privi di una reale giustificazione, ma ora, le ipotesi solo abbozzate sono diventate una certezza, confermata da dati scientifici difficilmente confutabili.

    L’utilizzo del cellulare rischia di interferire negativamente con le funzionalità del cervello, alterandone, superati i 50 minuti di conversazione incollati al dispositivo, l’attività cerbrale. Ecco quanto emerso nel corso di una sperimentazione made in Usa, condotta da un gruppo di esperti del National Institutes of Health statunitense e pubblicata sulle pagine del Journal of the American Medical Association.


    I ricercatori d’oltreoceano hanno esaminato un gruppo di persone, monitorando gli effetti dei campi magnetici emessi dalle antenne del telefono cellulare. Accostando gli apparecchi alle orecchie dei partecipanti, sono stati evidenziati gli effetti dei campi magnetici sull’attività cerebrale.

    Le evidenze riscontrate hanno indotto gli esperti Usa a concludere che “il cervello umano è sensibile agli effetti dei campi elettromagnetici RF-EMF da esposizioni acute di cellulare, tuttavia i risultati non mostrano alcuna correlazione tra l’uso del telefoni cellulari e potenziali effetti cancerogeni, anche se non la escludono. Occorrono nuove ricerche“.

    337

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI