NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Cervello: l’inganno del sorriso della Gioconda

Cervello: l’inganno del sorriso della Gioconda

Riusciamo a percepire il sorriso o l’espressione seria della Gioconda a seconda dei canali cellulari che si attivano nella retina del nostro occhio e che trasmettono le informazioni al cervello

da in Cellule, Cervello, Primo Piano, Psicologia, Retina, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    cervello

    Il nostro cervello a volte viene ingannato da determinate percezioni, soprattutto quando gli stimoli sono creati in un contesto che è in grado di presentarsi come fortemente evocativo come quello artistico. Molto interessante è uno studio che ha avuto come protagonista un celebre capolavoro: la Gioconda. Il noto dipinto è un vero e proprio enigma per il cervello umano.

    Il sorriso di Monna Lisa appare radioso se lo guardiamo da un lato, mentre, se ci spostiamo, assume un aspetto più serio. Da che cosa dipende questo effetto? Si tratta di una sorta di inganno per il nostro cervello, coma ha spiegato la ricerca portata avanti dagli studiosi dell’Università di Alicante, i cui risultati sono stati resi noti su “New Scientist”.

    Il processo ingannevole è chiaro: le cellule presenti nella retina del nostro occhio attivano differenti canali a seconda della prospettiva dalla quale osserviamo il dipinto. A volte viene attivato un canale cellulare prima di un altro e, in base alla loro attivazione, percepiamo il sorriso o l’espressione seria del viso.

    In questo processo assumono un ruolo importante la prospettiva e l’illuminazione.

    Diversi soggetti sono stati invitati a guardare il sorriso della Gioconda, riscontrando che esso tendeva a sparire se veniva osservato da una certa distanza. Subito dopo gli individui che hanno partecipato all’esperimento sono stati sottoposti all’osservazione di un pannello bianco o di uno nero e poi hanno osservato di nuovo il quadro.

    A questo punto si è potuto riscontrare che coloro che avevano osservato il pannello nero notavano di più il sorriso di Monna Lisa, perché il nero determina il blocco dei canali cellulari periferici della retina.La percezione del sorriso della Gioconda probabilmente è dunque da attribuire alle cellule che sono collocate nella parte centrale della nostra retina.

    Immagine tratta da: elmur.net

    358

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CelluleCervelloPrimo PianoPsicologiaRetinaRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI