Cervello: il denaro riduce gli stress sociali

Cervello: il denaro riduce gli stress sociali

Il denaro ha anche un valore simbolico in grado di attutire il dolore sociale e quello fisico, in quanto l’uomo può sostituire la popolarità con i soldi

da in Benessere, Cervello, Primo Piano, Psicologia, Stress
Ultimo aggiornamento:

    stress

    Il nostro cervello è in grado di mettere in atto strategie ben precise per ridurre gli stress sociali, soprattutto è capace di trovare dei veri e propri elementi sostitutivi che possono combattere la sensazione di esclusione e la sofferenza ad essa collegata. Un ottima soluzione in questo senso può essere quella collegata al valore simbolico che attribuiamo al denaro.

    Quest’ultimo per noi non ha soltanto un valore concreto, ma possiede anche un significato simbolico che lo porta ad essere un vero sostituto della popolarità. Le relazioni sociali hanno un’importanza fondamentale per gli individui, in quanto essi si caratterizzano per il loro essere animali sociali. La popolarità consente di raggiungere più facilmente gli obiettivi che gli uomini si propongono di conseguire.

    Alcuni esperimenti condotti presso la Sun Yan-Set University di Guangzhou in Cina hanno dimostrato il valore sostitutivo che il denaro assume rispetto alla popolarità. Si è verificato che il rifiuto sociale fa aumentare il desiderio di possedere denaro, mentre se si contano soldi, si può superare meglio l’esclusione. Quest’ultima viene esacerbata da pensiero di aver speso soldi.

    Poiché il cervello elabora il dolore sociale e il dolore fisico utilizzando gli stessi circuiti neuronali, i ricercatori hanno avuto la possibilità di constatare che il valore simbolico del denaro agisce anche sulla sofferenza fisica.

    Anche un piccolo dolore fisico, come il contatto con acqua molto calda, porta a desiderare di possedere più soldi. Al contrario la percezione del dolore è attutita dal contare i soldi o viene aumentata dall’averli spesi.

    Immagine tratta da: www.mutui-prestiti-assicurazioni.com

    315

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCervelloPrimo PianoPsicologiaStress
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI