NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Cervello: i ricordi uditivi per riempire il silenzio

Cervello: i ricordi uditivi per riempire il silenzio

Una ricerca condotta negli Stati Uniti ha messo in evidenza che anche quando guardiamo un fil muto il nostro cervello è come se percepisse i suoni, mediante l'attivazione delle aree uditive

da in Benessere, Cervello, Memoria, Psicologia, Ricerca Medica, Risonanza magnetica
Ultimo aggiornamento:

    ricordi uditivi cervello

    I ricordi uditivi per il nostro cervello rivestono un’importanza fondamentale, in quanto costituiscono quegli elementi fondamentali, ai quali esso ricorre per riempire i momenti di silenzio nei quali si trova ad operare, che possono capitare in varie circostanze, come per esempio quando guardiamo un film muto. Molto interessante a questo proposito un recente studio.

    La ricerca in questione è stata portata avanti presso la University of Southern California a Los Angeles e ha dimostrato che quando guardiamo un film privo di effetti sonori il cervello cerca di riempire il silenzio facendo affidamento sui ricordi uditivi che le scene del film evocano. L’aspetto interessante che è stato messo in luce consiste nel fatto che non si tratta di un semplice ricordo legato ai suoni, ma una vera e propria ripetizione reale dei suoni stessi. In pratica è come se sentissimo realmente il sonoro.

    Lo studio ha coinvolto alcuni volontari, che venivano sottoposti alla visione di video muti, mentre la loro attività cerebrale veniva esaminata per mezzo della risonanza magnetica. In questo modo i ricercatori hanno potuto appurare che nel cervello si attivavano le aree uditive durante la visione del film muto.

    Più vivida era l’illusione uditiva maggiore era l’attivazione cerebrale, inoltre i soggetti a livello cerebrale riuscivano a distinguere i vari suoni e a rapportarli a un determinato fenomeno.

    In questo processo un ruolo fondamentale è dunque svolto dalla memoria, che risveglia in noi le attivazioni cerebrali che normalmente mettiamo in atto nella nostra esperienza quotidiana. Anche il silenzio non può dunque fare a meno di essere riempito.

    326

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCervelloMemoriaPsicologiaRicerca MedicaRisonanza magnetica
    PIÙ POPOLARI