Cervello: gli effetti degli spot sul cibo

Cervello: gli effetti degli spot sul cibo

Gli spot sul cibo agiscono sui nostri meccanismi inconsci di nutrizione automatica determinando cattive abitudini alimentari e facendo insorgere l’obesità

da in Benessere, Cervello, Comportamento, Mangiar Sano, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    cibo

    La pubblicità ha il potere di agire sul cervello, inducendo spesso in modo subliminale a comprare un determinato prodotto o far compiere particolari comportamenti. I ricercatori della Yale University coordinati da Jennifer Harris sono riusciti a dimostrare gli effetti indotti dagli spot sul cibo nella nostra mente. Il risultato dello studio è sorprendente.

    Guardare gli spot pubblicitari che riguardano il cibo suscita l’impulso a mangiare i cibi che abbiamo a portata di mano, promuovendo abitudini alimentari non regolari e che di ceto non giovano alla salute. Tra gli effetti delle cattive abitudini alimentari causate dagli spot sul cibo c’è in primo luogo l’obesità.

    I ricercatori hanno verificato che alcuni bambini dai 7 agli 11 anni, se venivano esposti alla visione di un cartone animato che conteneva al suo interno spot riguardanti il cibo, erano portati ad un consumo di snack pari al 45% in più rispetto ad altri bambini che guardavano cartoni animati senza pubblicità. Si è potuto constatare che guardare mezz’ora di televisione con spot al giorno determina un aumento di peso pari a 4,5 Kg all’anno.

    Non solo i bambini sono portati a mettere in atto questi comportamenti alimentari non del tutto sani, ma anche gli adulti sono influenzati in questo senso dagli spot sul cibo e questa tendenza persiste anche per un certo periodo di tempo dopo la visione della pubblicità. Secondo gli autori della ricerca bisognerebbe cercare di regolamentare il settore pubblicitario, per evitare che gli spot agiscano sui nostri meccanismi inconsci di nutrizione automatica causando la patologia dell’obesità.

    Immagine tratta da: blog.libero.it

    316

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCervelloComportamentoMangiar SanoPsicologia
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI