Cervello giovane? Studiare aiuta

Cervello giovane? Studiare aiuta

Studiare fa davvero bene alla salute: scegliere la cultura, optare per un buon livello di istruzione è la strategia migliore per proteggere il cervello dai pericoli dell’invecchiamento

da in Benessere, Cervello, In Evidenza, News Salute, Ricerca Medica, ippocampo
Ultimo aggiornamento:

    Allenare il cervello con lo studio

    Il vero segreto di un cervello giovane e sempre in forma? Lo studio e l’istruzione sono gli insospettabili alleati della mente allenata, che resiste agli urti del tempo e all’inevitabile trascorrere degli anni. Infatti, l’istruzione e il livello culturale sono da considerare toccasana preziosi per la salute del cervello e delle funzioni cognitive.

    Lo studio, la cultura e l’istruzione sono cibo per l’anima, ma, soprattutto, del cervello: una recente ricerca, condotta da un team di esperti tutto italiano, dell’ l’IRCCS Fondazione Santa Lucia di Roma, ha evidenziato le potenzialità benefiche dello studio sulle funzioni cerebrali.

    Allenare la mente a suon di libri ha un ottimo effetto sulle strutture cerebrali e sulla salute del cervello: ad approffittare maggiormente dei benefici della cultura l’ippocampo e la memoria. Scuola, livello di istruzione e di curiosità intellettuale, ma non solo, perché il “fitness” da secchioni perfetto per la prontezza mentale si completa anche con l’attività professionale, l’impegno mentale quotidiano e le attività ricreative particolarmente stimolanti.

    Leggere, studiare, informarsi e lasciarsi incuriosire da nozioni di ogni genere: ecco, secondo lo studio pubblicato dalla rivista internazionale sulle neuroimmagini Human Brain Mapping, la strategia vincente per proteggere il cervello dalle malattie degenerative, come l’Alzheimer e dagli effetti dell’invecchiamento.

    150 soggetti, in buone condizioni di salute e di età compresa tra i 18 e i 65 anni, sono stati coinvolti della sperimentazione italiana: le persone con un alto livello di istruzione e di preparazione culturale hanno mostrano una maggiore compattezza strutturale nell’ippocampo, con riflessi positivi sullo stato di salute di molte funzioni cognitive fondamentali del cervello, come la memoria.

    356

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCervelloIn EvidenzaNews SaluteRicerca Medicaippocampo
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI