Cervello: come riconosce la suoneria del cellulare

Cervello: come riconosce la suoneria del cellulare

Una curiosa ricerca ha permesso di appurare che il nostro cervello è in grado di immagazzinare modelli di suonerie, in modo da riuscire a riconoscere e distinguere il suono del nostro cellulare

da in Aree cerebrali, Cervello, Neuroni, News Salute, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    cervello processi mentali

    Il nostro cervello è in grado di mettere in atto dei particolari processi mentali che lo portano a dimostrarsi molto funzionale nel riconoscere i suoni che gli sono piuttosto familiari. Comprendere quali sono questi processi psicologici si configura come un’esperienza interessante, che ci aiuta a saperne di più riguardo a quell’organo così affascinante che è il cervello umano.

    A questo proposito non possiamo non ricordare i risultati emersi da una ricerca portata avanti presso l’Università di Lipsia, che ha avuto come obiettivo quello di chiarire come fa il cervello a riconoscere la suoneria del nostro cellulare, distinguendola fra le altre. Innanzi tutto lo studio in questione è riuscito a dimostrare che il processo mentale destinato a riconoscere il suono del telefonino impiega 40 millisecondi per essere messo in atto. Un tempo davvero molto breve, che sfrutta incredibili capacità di memoria.

    I ricercatori si sono avvalsi della collaborazione di 12 volontari, che hanno dovuto ascoltare le registrazioni delle suonerie dei cellulari in situazioni differenti.

    Nel frattempo gli studiosi hanno monitorato l’attività cerebrale dei soggetti che hanno partecipato all’esperimento. In questo modo si è potuto appurare che, quando i volontari ascoltavano la suoneria del loro cellulare, si attivavano le aree cerebrali dell’udito e della memoria.

    In particolare il cervello attiva molti più neuroni all’ascolto della suoneria che gli è familiare rispetto a quelli attivati nel caso dell’ascolto di un tema musicale assegnato. Gli esperti hanno spiegato che il nostro cervello ha la capacità di immagazzinare modelli di suonerie. In questo modo riesce a riconoscere fra le tante quella che appartiene al nostro cellulare.

    324

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Aree cerebraliCervelloNeuroniNews SalutePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI