NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Cervello: come comprende le frazioni

Cervello: come comprende le frazioni

Una recente ricerca ha dimostrato che esiste una naturale predisposizione per la comprensione delle frazioni per la presenza nel cervello di una specifica area dedicata a questa funzione

da in Cervello, Corteccia cerebrale, Mente, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    cervello

    Il cervello umano ha delle capacità che spesso nemmeno sospettiamo. Una recente scoperta mette in luce che esiste una zona del cervello appositamente dedicata alle frazioni. Tutto questo dovrebbe rappresentare un motivo di conforto per chi ha un cattivo rapporto con la matematica, trovandola incomprensibile e fuori dalla propria portata.

    Il nostro cervello infatti è in grado di comprendere le frazioni in modo preciso e veloce, anche se saremmo pronti ad affermare il contrario, come hanno dimostrato Simon Jacob e Andreas Nieder dell’Università di Tubinga in Germania attraverso uno studio i cui risultati sono stati pubblicati sul “Journal of Neuroscience”. I due studiosi sono arrivati a scoprire delle cellule della corteccia cerebrale specializzate nel rispondere a specifiche frazioni.

    In particolare l’area del cervello in grado di svolgere questa funzione è il solco intraparietale, che si trova nella corteccia prefrontale. Questa regione cerebrale è stata individuata osservando l’attività cerebrale di alcuni individui mentre si dedicavano a guardare delle frazioni sullo schermo di un computer. Le frazioni osservate nell’ambito della ricerca sono state rappresentate sia numericamente sia utilizzando le parole, in modo da essere sicuri che risposta cerebrale dei soggetti non dipendesse dalle cifre che venivano viste, ma fosse legata esclusivamente ad un talento naturale del nostro cervello per le frazioni.

    La ricerca dimostra in questo modo che non esiste una innata mancanza di predisposizione anche per aspetti della matematica generalmente ritenuti ostici.

    Anche chi non ama i calcoli e le formule dovrà ammettere di essere naturalmente portato per le frazioni.

    Immagine tratta da: www.prociechi.it

    314

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloCorteccia cerebraleMentePrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI