Cervello: aree cerebrali implicate nel senso di colpa

Cervello: aree cerebrali implicate nel senso di colpa

Una ricerca condotta dalla Fondazione S

da in Aree cerebrali, Cervello, Corteccia cerebrale, News Salute, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    senso di colpa cervello

    Il senso di colpa ha origine in diverse aree del nostro cervello. Tutto dipende dal tipo di senso di colpa che proviamo. Il rimorso può infatti insorgere a causa di un danno arrecato agli altri o solo per un senso etico, senza determinare effetti sugli altri. Molto interessante è a questo proposito uno studio condotto dalla Fondazione S. Lucia.

    I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale per monitorare le reazioni cerebrali di diversi soggetti, nei quali è stato indotto il senso di colpa mediante degli stimoli visivi. Gli studiosi hanno potuto riscontrare che, indipendentemente dal tipo di senso di colpa provato, venivano attivate le regioni cerebrali della corteccia del cingolo anteriore e di quello posteriore. Queste aree cerebrali sono implicate nello svolgimento di funzioni complesse a livello cognitivo.

    Ma la ricerca non si è fermata a questo.

    Infatti gli studiosi sono riusciti anche ad individuare le specifiche regioni del cervello nelle quali hanno origine il senso di colpa etico e quello altruistico. Il primo, che non dipende dai danni provocati agli altri, ha sede nell’insula. Quest’ultima è implicata nel disgusto verso stimoli interni ed esterni. Il senso di colpa altruistico invece, che è collegato agli effetti nei confronti degli altri, mette in gioco la corteccia prefrontale mediale.

    Quest’area della mente è coinvolta prevalentemente nelle capacità di interpretare le emozioni e i comportamenti degli altri. La ricerca in questione è molto importante, perché permette di rintracciare strategie riabilitative adeguate per quei pazienti che, a causa di lesioni cerebrali e di traumi cranici, hanno riportato modificazioni del senso morale. Inoltre sarà possibile mettere a punto migliori terapie comportamentali per chi soffre di disturbi ossessivo compulsivi.

    347

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Aree cerebraliCervelloCorteccia cerebraleNews SalutePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI