Cellulite: movimento QB (quanto basta)

Cellulite: movimento QB (quanto basta)

Quando si trascurano i primi due stadi della malattia si arriva al momento in cui i grumi di grasso si riuniscono in nodui molli, che si notano non solo a pelle scoperta, e da questo momento in poi non ci sono soluzioni alternative alla liposuzione

da in Alimentazione, Benessere, Cellulite, Epidermide, Estetica e Trattamenti, Grassi, Malattie
Ultimo aggiornamento:

    donna

    Arriva l’estate e bisogna cominciare a prendere atto dei difettucci del corpo, che dopo un bel colorito estivo gia’ sembrera’ meno sciupato. Uno degli inestetismi che terrorizza le donne e’ quello della cellulite: colpisce tutte, sia le donne grasse che le donne magre, sia le piu’ belle che le meno belle, e quando si sfoglia un giornale di gossip si scopre spesso che la cellulite e’ piu’ difetto delle vip che delle donne “normali”. Complici? Gli strappi alimentari, il riposo mal distribuito e lo stile di vita insalubre.

    Va detto pero’ che la cellulite e’ piu’ spesso un disturbo legato a una tradizione famigliare, che segna la predisposizione delle singole donne a soffrirne, non senza causare complessi e problemi di autoaccettazione di se stesse; a peggiorarne il decorso possono contribuire la vita sedentaria, l’alimentazione ricca di sale, gli squilibri ormonali, l’uso dei tacchi e dei vestiti troppo stringenti.

    Al contrario, fare movimento, bere tanta acqua e fare in modo di favorire la circolazione del sague nelle zone che possono essere soggette ad accumulo adiposo rende possibile l’affronto e il superamento del disturbo.

    Che fare se si presume di soffrire o se si soffre di cellulite: quando si cominciano a notare le prime zone di pelle secca e ruvida con le prime smagliature significa che c’e’ qualcosa che sta causando lo sviluppo di cellulite, puo’ dipendere da vari fattori, ma e’ bene intervenire subito; al secondo stadio la cellulite diventa piu’ morbida, i muscoli si rammoliscono e in genere la pelle comincia a inflaccidirsi.

    Quando si trascurano i primi due stadi della malattia si arriva al momento in cui i grumi di grasso si riuniscono in nodui molli, che si notano non solo a pelle scoperta, e da questo momento in poi non ci sono soluzioni alternative alla liposuzione.

    Per difendersi da questo nemico si devono eliminare i cibi con troppi grassi e con troppo sodio, i formaggi stagionati, gli insaccati, ma anche bibite come alcolici, caffe’ e la cioccolata impediscono al corpo di purificarsi e di essere attivo e sano.

    Per mangiare cibi che aiutano a smaltire i grassi e i sali eccessivi si puo’ optare per frutta come ananas, kiwi, pompelmo, e verdure come il finocchio e il sedano. Anche bere tanta acqua fa bene, anche se le persone che soffrono di cellulite, a volte, possono soffrire anche di ritezione idrica, non sempre la cellulite e’ una sola questione di grassi in piu’, in quel caso significherebbe favorirne lo sviluppo.

    Per favorire la circolazione e’ buona cosa camminare, magari cercando di svolgere a piedi quelle commissioni che in genere si fanno in macchina:banca, bollette, mercato, panettiere, in questo modo si aiutera’ il corpo a depurarsi ma non si esagerera’ nello sport, che puo’ essere a sua volta la causa di disturbi, specialmente nelle zone delle gambe e dell’interno coscia in generale.

    Durante il bagno in acqua, che in genere e’ consigliato a temperatura non troppo alta, sui 36°, fa bene aggiungere i Sali del Mar Morto, che potete comprare in qualsisasi erboristeria: potete farvi consigliare, a seconda del vostro gusto, un olio essenziale che favorisca la circolazione del sangue e delle tisane depurative, ne esistono di varie misture, che vi aiutino a smaltire le impurita’ dell’organismo.

    606

    Che tipo di cellulite hai? [TEST]

    Domanda 1 di 9

    L'alimentazione che segui come potrebbe essere definita?

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereCelluliteEpidermideEstetica e TrattamentiGrassiMalattie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI