Cellulari: aumentano la distrazione

Cellulari: aumentano la distrazione

La suoneria di un cellulare che squilla è in grado di farci distrarre più di qualsiasi altro rumore, perché si attiva un meccanismo automatico nel nostro cervello

da in Benessere, Cervello, Mente, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    cellulari

    I cellulari sono diventati ormai una vera e propria mania. Nessuno sembra poterne più fare a meno e tutti, giovani e meno giovani, reputano il telefonino un mezzo indispensabile per comunicare con gli altri e per restare in contatto col mondo in qualunque luogo o situazione ci si trovi. Pur non mettendo in dubbio l’utilità del cellulare, esso per certi versi determina in chi lo usa degli effetti non molto positivi per il nostro cervello.

    Soprattutto gli effetti negativi dei cellulari sulla nostra mente si fanno sentire in termini di distrazione, che aumenta proprio nei soggetti che tendono ad utilizzare con maggior frequenza il telefonino. In particolare la suoneria del cellulare è in grado di farci distrarre. Quando il nostro cellulare squilla ci distraiamo facilmente, come è dimostrato da uno studio americano pubblicato sul “Journal of Enviromental Psychology”.

    Diversi esperimenti sono stati in grado di dimostrare che sia ha un crollo del 25% nei punteggi dei test ogni volta che il nostro telefonino squilla per trenta secondi senza che nessuno risponda.

    La suoneria del telefonino è capace di distrarre più di qualsiasi altro rumore, infatti chi si distrae a causa del suono del cellulare impiega molto più tempo per riprendere la concentrazione rispetto a chi si lascia distogliere da altri tipi di rumori.

    Tutto questo accade probabilmente perché quello della suoneria del telefonino è un suono che sentiamo spesso e il nostro cervello reagisce ad esso con una distrazione messa in atto in maniera automatica. Lo studio che ha spiegato questo meccanismo rappresenta un’importante occasione per riflettere sul rapporto tra gli individui e i prodotti della tecnologia.

    Immagine tratta da: notebookitalia.it

    329

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCervelloMentePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI