8 cattivi odori causati da problemi di salute: quali non ignorare

Il nostro corpo emana diversi tipi di odori, ma quando diventano sgradevoli, possono essere il segnale di un problema di salute. Nell'articolo che segue, scopriamo quali sono gli 8 cattivi odori causati da problemi di salute e perché non bisogna ignorarli.

da , il

    8 cattivi odori causati da problemi di salute: quali sono da non ignorare? Emanare determinati odori corporei è molto comune e, anche se in alcuni casi può risultare sgradevole per noi stessi e per le altre persone, rappresentano un processo del tutto naturale che il corpo compie per espellere le sostanze tossiche dall’organismo e regolare la temperatura corporea. Nonostante questo, possono verificarsi delle alterazioni che risultano più sgradevoli e possono rappresentare qualche problema di salute da non sotto valutare affatto, per questo emanare un cattivo odore corporeo non sempre è sinonimo di scarsa igiene. Scopriamo insieme quali sono gli 8 segnali che il corpo ci manda e che non dobbiamo trascurare.

    1. Odore di lievito

    L’odore simile a quello del lievito di birra potrebbe essere emanato dalle secrezioni vaginali, che solitamente sono caratterizzate da un colore biancastro e inodore. Quando questa secrezione cambia odore, è da considerare la presenza di un’infezione causata dal fungo della candida o un’altra specie di fungo presente nella zona intima. Queste infezioni sono spesso associate alla gravidanza, al diabete o all’utilizzo di antibiotici.

    2. Odore di acetone

    L’odore di acetone, il classico solvente che si utilizza per rimuovere lo smalto dalle unghie, è tipicamente emanato dalle persone affette da diabete di tipo 1 ed è provocato dalla chetoacidosi. Questo accade perché l’organismo, in caso di diabete, in assenza di insulina, non riesce ad utilizzare il glucosio come fonte di energia ed impiega gli acidi grassi come forma di “carburante”. Durante questo processo, si formano corpi chetonici che provocano l’odore di acetone nell’alito, un sintomo assolutamente da non ignorare.

    3. Forte odore di piedi

    Se l’odore dei piedi è insopportabile e non si riesce a neutralizzare in nessun modo, significa che c’è la presenza di batteri e funghi che, a contatto con l’aria, si decompongono ed emanano un forte odore sgradevole. La puzza dei piedi può presentarsi a causa di importanti cambiamenti ormonali, in scarsa o assenza di igiene oppure causato da disturbi nervosi.

    4. Gas e feci maleodoranti

    Se il gas e le feci espulsi dal corpo sono particolarmente maleodoranti, è un chiaro segnale di un’intolleranza al lattosio, causata dalla carenza dell’enzima che serve per digerire il lattosio all’interno dell’intestino tenue. Il lattosio, invece di entrare in circolo attraverso il sangue, viene spedito direttamente nel colon, dove fermenta e causa un cattivo odore. Chi soffre di intolleranza al lattosio, spesso accusa anche forti mal di pancia, meteorismo e diarrea.

    5. Alito cattivo

    L’alitosi potrebbe essere causata da una scarsa igiene orale oppure da un’infezione alle gengive o ai denti. Questo cattivo odore emanato dal cavo orale, può compromettere la vita sociale e l’autostima di chi ne soffre. Altri fattori possono causare l’alitosi, come: ascessi, carie, malattie gengivali, infezioni polmonari, infezioni alla gola o consumo abbondante di alimenti come l’aglio o la cipolla cruda. Una volta individuato il problema e trovato il rimedio per eliminarlo, l’alito cattivo dovrebbe scomparire.

    6. Cattivo odore delle urine

    Normalmente la pipì dovrebbe essere limpida, di colore giallo paglierino e inodore. Quando le urine emanano un odore sgradevole, può essere determinato da diversi fattori come l’alimentazione (asparagi, aglio, cavolfiori), causato dall’assunzione di alcuni antibiotici oppure potrebbe segnalare la presenza di un’infezione alle vie urinarie e in questi casi l’odore assomiglia a quello dell’ammoniaca o della candeggina. Se l’odore si manifesta saltuariamente per poi scomparire nel giro di pochi giorni, non c’è da preoccuparsi, mentre se persiste è opportuno rivolgersi al proprio medico curante.

    7. Cattivo odore dalle ascelle

    Quando l’odore di sudore cambia ed un forte e cattivo odore, può segnalare la presenza di batteri che si sviluppano in quell’area. Questo può succedere a causa di una cattiva alimentazione e una scarsa igiene personale, anche se, in alcuni casi, si deve ad una patologia conosciuta come bromidrosi, associata al mal funzionamento delle ghiandole apocrine, che provoca un odore molto sgradevole e quasi impossibile da neutralizzare. Il cattivo odore emanato dalle ascelle può dipendere anche da uno scompenso degli ormoni.

    8. Cattivo odore dal cuoio capelluto

    Anche il cuoio capelluto può essere colpito da diverse infezioni che provocano uno sgradevole odore. In alcuni casi a scatenare il cattivo odore può essere la mancanza di igiene personale, ma non è sempre così. Quando le ghiandole sebacee producono un’eccessiva quantità di sebo, il cuoio capelluto diventa sensibile ed emana uno sgradevole odore accompagnato da rossore e prurito. Quando il problema viene individuato e risolto, l’odore sparisce del tutto.