“Casa Via di Natale”: la raccolta dei tappi

Le cure palliative sono delle cure che servono al malato terminale per affrontare la malattia con serenità fino alla morte, affiancato dai suoi famigliari che lo seguono da vicino, nella struttura di accoglienza che lo ha in carico: in questo consiste il lavoro del gruppo "Casa Via di Natale" e AIDO insieme ad AVIS si curano di raccogliere tappi per finnziarne le iniziative

da , il

    Casa Via di Natale

    Un tappo di plastica può non valer niente, come invece può valere molto. In casa, quando si beve la bibita e si butta la bottiglia, molto probabilmente questa non sarà più riciclata. Fuori casa la plastica diventa spazzatura da ingombro o da riciclaggio, dipende dal cassonetto dove la metterete, ma se viene raccolta e consegnata da qualcuno a Carmen Gallini, coordinatrice della struttura “Casa Via di Natale” allora il tappo servirà eccome. In che modo “consegnare” i tappi raccolti per la causa.

    Durante l’anno raccogliere i tappi di plastica in un contenitore non costa niente, poi, prima che finisca l’anno, in genere durante i mesi invrnali di novembre o dicembre, si porta il raccolto, che può anche essere frutto di una operazione collettiva a più mani, al centro di raccolta AIDO – AVIS.

    AIDO e AVIS non faranno altro che riunire tutti i tappi raccolti, che sono fatti di una plastica migliore rispetto a quella delle normali confezioni di plastica, e li porterà nei centri di smistamento della plastica da riciclare.

    I tappi poi saranno utilizzati per diventare altro: quello che vediamo in città, dalle decorazioni ai cestini alle panchine, ma anche l’arredamento da giardino in materiali riciclati, etc .. viene fatto con materiale che deriva dai tappi raccolti.

    Per questo percorso è stato preso un accordo fra le due associazioni sopra citate e i centri di riciclaggio: il materiale viene pagato 0.30 Euro al Kg, che è molto di più della normale plastica da riciclo.

    Il danaro raccolto serve poi a finanziare le attività della “Casa Via di Natale” che sono attività di Hospice per malati terminali e accoglienza dei famigliari, in 34 appartamenti, 12 appartamenti per malati terminali, assistenza medica e infermieristica, cure palliative, il tutto gratuitamente o su offerta da parte della famiglia del malato terminale, che non è fissata.

    Non è previsto alcun finanziamento diretto da parte del Sistema Pubblico di intervento, salvo iniziative correlate a gruppi di aggregzione spontanea o associazioni sensibili all’operatività dell’Hospice di Aviano.

    Foto: Casa “Via di Natale”