Carne: allarme maiale irlandese e diossina

Carne: allarme maiale irlandese e diossina

L'allarme per la carne di maiale contaminata con la diossina tocca anche l'Italia: i paesi coinvolti sarebbero 25, la ditta che commercia questo tipo di carne è stata già coinvolta con un ritiro del genere mmediato, dal commercio

da in Alimentazione, News Salute, diossina
Ultimo aggiornamento:

    Arrosto di maiale

    Il maiale alla diossina sembra essere un problema collegato a una sola partita di carne, che però potrebbe arrivare a coinvolgere, se ci sarà conferma, fino a 25 paesi in totale. L’allarme riguarda tutta Europa, compresa l’Italia. La provenienza della partita di carne è irlandese, a Dublino, ma i prodotti contaminati sono stati individuati anche in Francia e in Belgio.

    Il Governo di Dublino ha già provveduto al ritiro della carne non commestibile, sottolineando come siano stati rispettati gli indirizzi della Commissione Europea, che ha fatto scattare l’allarme in ben 25 paesi europei. Sarà la fonte della contaminazione ad essere ulteriormente analizzata, per garantire la salute dei cittadini europei. L’allarme riguarda 10 aziende che producono carne di maiale e 37 fattorie ad allevamento misto.

    Il coinvogimento della nostra Nazione è motivato dal fatto che, tra i paesi che forniscono la carne di maiale, vi è anche l’Irlanda; ma non si fermerebbe all’Europa l’allarme: secondo i dati che descrivono le rotte della carne di maiale, ci sarebbero in elenco anche paesi come gli USA, Canada, Russia e Giappone, che importano carne irlandese.

    In Italia i controlli sono scattati a partire dalla giornata di oggi, per cui tutta la carne proveniente dall’Irlanda è stata controllata e sarà ancora controllata grazie alle disposizioni d’urgenza del Ministero del Welfare, inviate a tutte le Regioni, anche se secondo il Ministro “Si tratta solo di misure precauzionali”.

    La carne irlandese del fornitore coinvolto è stata ritirata. “L’origine della diossina industriale è probabilmente da collegare all’incenerimento delle industrie chimiche e farmaceutiche – ha dichiarato Brendan Smith, Ministro per l’Agricoltura – che possono essere riassorbite attraverso epidermide.” Ma insieme a questo ci sarebbe il mangime prodotto sempre in Irlanda del Nord, che è stato usato nel mese di settembre scorso in tutta l’isola, anch’esso contaminato e incriminato come primo responsabile della contaminazione.

    La Commissione europea ha risposto con il suo piano di emergenza, garantendo ai consumatori che il commercio della carne ha subito i dovuti controlli. Ad essere state controllate fino ad ora le fattorie che producono carne di maiale di: Wall’s, Porkinson, Pork Farm and Richmond Sausages, di proprietà della Irish company Kerry Foods. Ma una lista completa delle aziende è attesa dall’Autorità garante per il Controllo della salubrità dei cibi irlandesi entro le prossime ore.

    454

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneNews Salutediossina
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI