Carie: le diete potrebbero favorirle

Sembrerebbe infatti che mangiare poco e spesso, come suggeriscono i dietologi farà anche bene alla linea ma fa male ai denti che vengono continuamente assaliti da batteri che si depositano negli interstizi dei denti a causa dei rimasugli del cibo

da , il

    denti

    Il dubbio assale sempre di più, stare a dieta e sperare in un fisico quasi perfetto è meglio che soffrire di carie o quest’ultima possibilità può far superare il dilemma rappresentato dal fatto di avere qualche chilo in più? Un dubbio che non è certo fine a se stesso, non foss’altro perché se l’è chiesto il neo ministro della Salute Fazio alla luce degli ultimi riscontri della medicina che guardano alle diete con sospetto in ambito alle patologie dentarie.

    Sembrerebbe infatti che mangiare poco e spesso, come suggeriscono i dietologi farà anche bene alla linea ma fa male ai denti che vengono continuamente assaliti da batteri che si depositano negli interstizi dei denti a causa dei rimasugli del cibo. L’ideale è spazzolarsi i denti dopo ogni pasto, ma tale soluzione è per lo più impraticabile ma per lo meno non dovrebbe mai allentare l’attenzione nei confronti dell’igiene orale al fine di scongiurare non solo le carie, ma le stesse parodontopatie.

    Oltretutto all’avanzare dell’età si assiste ad un altro fenomeno derivante dalla patologica arretratezza delle gengive con espulsione nel tempo dei denti, un fenomeno questo che colpisce 67 maschi su cento e 61 donne nella stessa percentuale ed il modo per evitare tutto ciò, o per lo meno prevenire questa complicazione, è affidarsi ad una corretta igiene orale e alle visite odontoiatriche effettuate nei tempi opportuni. .