Carciofo: benefici, proprietà nutritive, lassative e controindicazioni

Carciofo: benefici, proprietà nutritive, lassative e controindicazioni
da in Lassativi, Mangiar Sano, Verdure
Ultimo aggiornamento: Sabato 10/09/2016 07:07

    Carciofi

    I benefici e le proprietà nutritive e lassative del carciofo – anche le sue controindicazioni – sono abbastanza note già da molto tempo: basti pensare, infatti, che questo ortaggio era consumato in tempi antichi, quando era molto amato da Romani, Greci ed Egizi, che ne apprezzavano le proprietà benefiche. Il carciofo è una pianta dalle particolari proprietà terapeutiche, nutrizionali e salutari, che ha origine nell’area mediterranea: oggi, è molto diffusa in Italia. Ma quali sono le proprietà alimentari e curative che contraddistinguono il carciofo? Scopriamo di più in merito.

    Nausea

    Il carciofo apporta notevoli benefici a diversi organi del corpo, contribuendo al suo benessere e prevenendo diverse malattie. La cinarina contenuta in esso è di notevole aiuto per il fegato e i reni; il carciofo vanta, dunque, proprietà disintossicanti, depurative, digestive, diuretiche, dimagranti e drenanti notevoli: favorisce, infatti, la secrezione biliare, la diuresi e la digestione, contribuendo all’eliminazione delle tossine ed è, dunque, indicato anche per chi desidera dimagrire e perdere peso. Proprio per via di queste eccellenti proprietà, i carciofi sono ottimi anche per chi è affetto da sindrome del colon irritabile e in caso di nausea, vomito e intossicazioni alimentari. La presenza di cinarina e inulina, inoltre, consente di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue; mentre l’acido clorogenico, la silimarina, l’acido caffeico e l’acido ferulico regalano proprietà antiossidanti, in grado di contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare, prevenendo l’insorgere di diversi tipi di tumore, nonché di patologie arteriosclerotiche e cardiovascolari. Essendo un’ottima fonte di potassio, il carciofo svolge un importante ruolo per combattere l’innalzamento della pressione sanguigna. Oltre a ciò, il carciofo è utile per equilibrare i livelli di zucchero nel sangue ed è, dunque, indicato per chi soffre di diabete. Ci sono degli studi in corso sulla capacità dell’estratto di foglie di carciofo di contrastare la crescita delle cellule leucemiche. La vitamina K è utile nella prevenzione dell’osteoporosi; beta-carotene e luteina, invece, sono in grado di proteggere la vista, rovinata spesso da diverse cattive abitudini. Da non sottovalutare sono, inoltre, le proprietà cosmetiche del carciofo, che migliora la salute di unghie e capelli, rafforzandoli.

    Sali minerali

    Il carciofo vanta dei valori nutrizionali particolarmente benefici per la salute dell’organismo: contiene, infatti, cinarina – che gli conferisce il sapore amaro – carboidrati, pochi grassi, proteine, fibre, pochi zuccheri, molta acqua, sali minerali – come potassio, zinco, calcio, rame, sodio, fosforo, ferro, magnesio, manganese e selenio – flavonoidi – quali beta-carotene, luteina e zea-xanthin – e vitamine, come la A, quelle del gruppo B, la C, la E, la K e la J.

    Pancia

    Il carciofo è un’ottima fonte di fibre e di acqua e ciò lo rende indicato per chi soffre di stitichezza: questo prezioso alimento vanta, infatti, delle buone proprietà lassative utili per stimolare il corretto funzionamento dell’intestino. In caso di stitichezza è, inoltre, utile bere molta acqua.

    Gravidanza

    Inoltre, è bene consumare carciofi biologici per evitare di assumere sostanze nocive, che possono essere utilizzate durante la coltivazione. Infine, per chi ha appena portato a termine una gravidanza, si sconsiglia il consumo di questo ortaggio, in quanto riduce la produzione di latte.

    769

    LEGGI ANCHE