Carbone attivo vegetale: proprietà, benefici e controindicazioni

Scopriamo le proprietà, i benefici e le controindicazioni del carbone vegetale attivo, molto utile nel trattamento di patologie dell'apparato gastrointestinale.

da , il

    carbone attivo vegetale proprieta benefici controindicazioni

    Carbone attivo vegetale: scopriamone le proprietà, i benefici e le controindicazioni. Questo integratore viene utilizzato a volte per rimediare ad alcune malattie che interessano soprattutto l’apparato gastrointestinale. L’uso del carbone vegetale è destinato in particolare al trattamento di problemi come il meteorismo, l’aerofagia, l’acidità, il gonfiore addominale e la diarrea. Di recente si è molto diffuso l’utilizzo per la preparazione di pane, pizza e altri prodotti da forno, ma questo utilizzo fa davvero bene?

    Aerofagia

    aerofagia carbone attivo vegetale

    Spesso il carbone vegetale viene utilizzato per il trattamento dell’aerofagia e del connesso meteorismo. E’ un eccesso di gas a livello intestinale, che è accompagnato da tensione addominale e gonfiore. In questi casi si sfruttano le capacità assorbenti del carbone vegetale, che si dimostra in grado di incorporare i gas dello stomaco e dell’intestino, favorendone l’assorbimento.

    Reflusso gastroesofageo

    reflusso gastroesofageo carbone attivo vegetale

    L’aerofagia è spesso accompagnata dal reflusso gastroesofageo, al quale si può rimediare proprio tramite il carbone vegetale attivo. Quest’ultimo si dimostra un valido aiuto, specialmente se viene assunto insieme ad altri prodotti, come, ad esempio, l’anice. Questi prodotti riescono a ridurre la fermentazione intestinale e rendono più facile la digestione.

    Diarrea

    diarrea_carbone attivo vegetale

    Il carbone vegetale ha anche delle proprietà antidiarroiche. Proprio per questo motivo viene utilizzato anche per rimediare ad alcune malattie come la colite e il colon irritabile, che possono provocare il manifestarsi della diarrea. In questi casi si può utilizzare in abbinamento all’argilla verde ventilata, che svolge una vera e propria attività antiacida e favorisce la cicatrizzazione delle pareti intestinali.

    Acidità

    acidita carbone attivo vegetale

    Il carbone vegetale attivo riesce ad assorbire anche le sostanze che causano l’acidità gastrica. E’ particolarmente usato in queste situazioni anche perché contiene diversi sali minerali basici.

    Intossicazione

    intossicazione carbone attivo vegetale

    Il carbone vegetale attivo può essere risolutivo in caso di intossicazione dell’organismo determinata da farmaci o metalli nocivi. Anche per risolvere tale problema, è consigliabile il suo uso insieme a quello dell’argilla, per esercitare un’azione efficace contro l’infiammazione dell’apparato digerente.

    Le controindicazioni

    controindicazioni carbone attivo vegetale

    E’ importante usare con cautela il carbone vegetale attivo. Esso andrebbe impiegato sotto stretto controllo medico, specialmente in gravidanza, nella fase dell’allattamento e nelle situazioni in cui si dovesse ricorrere alla somministrazione a soggetti al di sotto dei 12 anni. Se si usa in maniera prolungata e indiscriminata, questa sostanza potrebbe rendere le feci scure e potrebbe avere effetti lassativi. Sono sempre un esperto o il medico di fiducia che devono indicare in modo preciso quanto e per quanto tempo prendere il carbone vegetale. Molta prudenza va usata, se si assumono contemporaneamente alcuni farmaci, come, ad esempio, la pillola anticoncezionale. I medicinali andrebbero assunti ad una distanza di almeno 3 o 4 ore, per evitare interazioni negative. Alcune volte il carbone vegetale può causare stitichezza, per cui bisogna stare attenti ad assumerlo se si è soliti soffrire di stipsi.