Capelli: gli effetti del cambio di stagione

Con il cambio di stagione i capelli possono andare incontro ad un periodo di fragilità

da , il

    donna capelli

    Il cambio di stagione e in particolare l’arrivo della primavera può rappresentare un momento molto delicato per i nostri capelli, che possono andare incontro a fenomeni di stress che ne favoriscono la caduta. Ma non bisogna allarmarsi, basta infatti prendere alcune precauzioni, che possono proteggere la nostra capigliatura nei momenti di maggiore fragilità.

    Innanzi tutto è da dire che ogni capello ha un suo ciclo di vita regolato da quello che possiamo considerare un vero e proprio orologio biologico. Con l’arrivo della primavera il nostro organismo si adatta alla nuova stagione e ai nuovi ritmi naturali e la maggiore caduta dei capelli in questo periodo deve essere inquadrata proprio all’interno di questo fenomeno di adattamento. Si possono mettere in atto opportune azioni volte a proteggerci da questi cambiamenti.

    L’importante è cercare in tutti i modi di avere cura dei nostri capelli. Se se ne presenta la necessità, è opportuno lavare i capelli anche tutti i giorni. Non è infatti dimostrato che i lavaggi frequenti determinano la caduta dei capelli. Bisogna anche regolarsi in base alle condizioni personali. Fattori decisivi che possono spingere ad un lavaggio frequente possono essere l’inquinamento dell’ambiente in cui si vive o una sudorazione eccessiva.

    Particolare attenzione bisogna prestare al tipo di shampoo che si usa. Sarebbe meglio optare per prodotti non troppo sgrassanti e che abbiano un ph leggermente acido. Un’altra azione importante che possiamo fare per i nostri capelli è quella di risciacquarli con cura e di asciugarli in maniera delicata, preferibilmente non usando il phon o comunque mantenendolo ad una temperatura non troppo alta.

    Immagine tratta da: marieclaire.it