Candida maschile: sintomi, cura e tempi di guarigione

Candida maschile: sintomi, cura e tempi di guarigione
da in Apparato genitale, Candida, Funghi della pelle, Infezioni, Salute Uomini
Ultimo aggiornamento: Venerdì 12/08/2016 07:07

    candida maschile sintomi cura tempi di guarigione

    La candida maschile è un problema piuttosto fastidioso, che interessa la zona genitale. Spesso si pensa che la candidosi riguardi solo le donne, ma non è assolutamente vero. L’infezione da funghi può colpire anche gli uomini, determinando il manifestarsi di sintomi tipici, come le eruzioni cutanee, bruciore, gonfiore e dolore durante i rapporti sessuali. E’ importante quindi rivolgersi ad una cura specifica, condotta con farmaci e rimedi naturali, per evitare complicazioni. D’altronde non dobbiamo dimenticare che, se non curata, la candida può portare anche a conseguenze serie, come endocarditi, meningiti e ascessi polmonari.

    I sintomi

    I sintomi della candida maschile sono costituiti da eruzioni cutanee e da un’infiammazione, che interessano i genitali. In particolare, se il processo infiammatorio riguarda il glande, si parla di balanite. Se il tutto si estende anche al prepuzio, si usa la definizione di balanopostite. Intorno al prepuzio si forma una materia grumosa giallastra e si possono avere delle perdite. Durante la minzione si manifesta una sensazione di bruciore, mentre i rapporti sessuali diventano causa di dolore. Anche il gonfiore fa parte delle manifestazioni sintomatiche tipiche. Di solito il fungo in questione è presente in piccole quantità sulla pelle, nella cavità orale, nell’apparato digerente e nei genitali. Tuttavia non determina nessun disturbo, perché il sistema immunitario riesce ad esercitare un’azione di controllo. A causa di un indebolimento delle difese dell’organismo, la candida può moltiplicarsi, dando luogo ai sintomi caratteristici.

    I prodotti antimicotici

    La cura per la candida maschile consiste innanzi tutto nel tenere la zona interessata pulita e asciutta. Tuttavia non si deve dimenticare che si possono utilizzare dei prodotti antimicotici. Si tratta soprattutto di qualche crema, che va utilizzata a livello topico. Il prodotto deve essere applicato nel punto in cui è presente il rossore, almeno due volte al giorno. In genere il disturbo tende a migliorare molto velocemente, anche nel giro di una notte. Tuttavia, se il problema continua per più di una settimana, bisogna consultare il medico, per escludere eventualmente anche altre infezioni.

    I rimedi naturali

    Può essere utile ricorrere ad una cura naturale. Ad esempio si può usare lo yogurt. Quest’ultimo, infatti, contiene il batterio lactobacillus acidophilus, che riesce a controllare la crescita della candida. Se si applica lo yogurt bianco sul pene, il prurito si allevia. Si può utilizzare anche l’aglio, schiacciato e ridotto in pasta e magari mischiato con alcune gocce di olio extravergine di cocco, che lenisce il bruciore. Da non dimenticare l’olio dell’albero di tè, un olio essenziale che ha ottime proprietà antibatteriche e antifungine. Si deve usare diluito nell’acqua.

    547

    LEGGI ANCHE