Cancro prostata: rischio alto dopo i 50 anni

Cancro prostata: rischio alto dopo i 50 anni

I numeri parlano chiaro, le percentuali d'incidenza di un tumore tutto al maschile, quello alla prostata sono preoccupanti: il 62% degli over 50 rischiano di sviluppare questo cancro

da in Cancro alla Prostata, Malattie, Prevenzione, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    La siuro avverte: rischio alto di cancro alla prostata

    E’ ben il 62% degli uomini di età superiore a 50 anni a rischiare di sviluppare un cancro alla prostata, sono circa 20 mila ogni anno a esserne colpiti e 7 mila i morti. Ecco il quadro sconcertante tracciato dagli specialisti della SIUrO, la Società Italiana di Urologia Oncologica, riuniti recentemente in un convegno a Roma. Un disturbo maschile grave, con un’incidenza sempre più preoccupante, il tumore alla prostata è paragonibile a quello che colpisce il gentil sesso al seno.

    Non è il caso di affidarsi al fato o alla fortuna, ma a specialisti seri, come ricorda lo spot pensato nell’ambito della campagna di sensibilizzazione per il tumore alla prostata promossa dalla Presidenza del Consiglio. ”Si puo’ vincere sia attraverso una strategia che coinvolga le singole persone, la cosiddetta ‘sorveglianza attiva’, sia grazie alla comunità scientifica che deve proseguire sulla via dell’interdisciplinarietà” ricorda Giuseppe Martorana, Presidente SIUrO, Ordinario di Urologia e Direttore della Clinica Urologica del Sant’Orsola Malpighi di Bologna.


    La strategia di prevenzione più efficace ha come ingredienti principali i controlli periodici: compiuti i 45 anni, gli uomini dovrebbero sottoporsi a una visita specialistica dall’urologo, proprio come fanno le donne, che si rivolgono con regolarità al proprio ginecologo. Basta una visita e un semplice esame, il cosidetto “marcatore Psa”, un’analisi del sangue, per evidenziare eventuali anomalie alla prostata e far sospettare lo sviluppo di una patologia grave come il tumore.

    Niente allarmismi, ma attenzione e consapevolezza, come ribadiscono gli esperti, perchè il cancro prostatico è una malattia da non sottovalutare, ma da diagnosticare tempestivamente, per intraprendere un percorso terapeutico efficace e risolutivo.

    Immagine tratta da: siuro.it

    354

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cancro alla ProstataMalattiePrevenzioneTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI