Camminare per recuperare in salute psichica

Camminare per recuperare in salute psichica

Camminare aiuta a prevenire gli stati di disagio mentale e nervoso, specialmente se si applicano le strategie della camminata tecnica, uno sport che sta mettendo in soffitta il jogging e che ha dei poteri molto interessanti sulla psiche

da in Alzheimer, Benessere, Esaurimento nervoso, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    Camminare

    Ne parlano in tanti ma non e’ ancora chiaro come mai stia avendo questo grande successo, il power walking, andando a risicare l’angolo di cielo del jogging, che sta per essere messo in soffitta. E’ arrivato anche in Italia il trend del camminare con potenza, a volte per fare meglio gli sportivi usano anche delle racchette per evitare di predere la camminata.

    La camminata veloce mantiene in forma sia il sistema della circolazione, che il sistema cardiaco, che il sistema psichico: per fare un buon movimento puo’ aiutare la sabbia, il prato, l’uso dei pesi o l’uso del tappetino rotante. Se si usano i pesi vanno applicati alle caviglie o tenuti in mano, per l’ausilio possono andare bene anche dei piccoli manubri che servono per fare sforzo sui muscoli a andamento ritmico.

    Se si usa la tecnica del prato o della sabbia, invece, tecnica che deve la sua fortuna alla moda californiana, si devono fare lunghe falcate, potenti, possibilmente si pratica al mare, con un allenamento della respirazione per inalare i sali esatali dal mare e per aprire la gabbia toracica aumentandone la forza e la capacita’ in volumi; questo esercizio e’ ottimo se va a completare una fase di riscaldamento e di allenamento del sistema respiratorio.

    Se invece si vuole fare allenamento domestico con l tappetino, poco male, bisogna impostare in modo da restituire la forza di una spiaggia, con la velocita’ di una camminata sostenuta. E il gioco e’ fatto.

    Il power walking va di moda anche perche’ va a lavorare parecchio sulla psiche: a differenza delle camminate rilassanti la camminata tecnica restituisce benefici di tipo psicologico. Il fatto di doversi concentrare per riuscire a mantenere il passo, le difficolta’ del caso da superare con la pratica e l’allenamento, l’attenzione e la memoria richieste per non perdersi a meta’ esercizio, hanno dimostrato, e i dati sono stati confermati da una ricerca universitaria americana, che questa pratica aiuta a curare malattie come la perdita di memoria, l’Alzheimer, il disordine mentale e gli stati di esaurimento nervoso.


    Immagine

    434

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlzheimerBenessereEsaurimento nervosoPrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI