Cambia la stagione, cambiano i nostri ritmi

Il cambio di stagione può causare disturbi del sonno, e a breve un altro fattore potrebbe intervenire a peggiorare la situazione: il cambio dell'ora!

da , il

    cambio ora

    Si è da poco conclusa la Giornata Mondiale del Sonno. Sono ancora molti gli italiani che soffrono di disturbi del sonno, secondo le ultime stime sono il 10% di cui la maggior parte donne. La cause sono molteplici, stress, patologie correlate come le apnee ostruttive del sonno, oltre alle comuni insonnie in cui c’è chi dorme troppo poco e si addormenta durante la giornata.

    Fra una settimana circa si aggiungerà un’altra causa, il cambio dell’ora! Si, perché spostando le lancette il nostro organismo dovrà riallinearsi al nuovo orario e per alcuni giorni ci potremmo sentire stanchi e assonnati. Il buon sonno è fondamentale per il benessere della persona, ed ora gli esperti hanno stilato tre caratteristiche che permettono una buona qualità del sonno, queste sono:

    - durata: il sonno deve avvenire per una durata sufficiente per svegliarsi riposato e vigile la mattina dopo;

    - continuità: il periodo di sonno dovrebbe essere continuo, cercando di evitare la frammentazione dello stesso;

    - profondità: per far sì che il sonno sia ristoratore, è fondamentale che sia sufficientemente profondo.

    Per poter garantire al sonno durata, continuità e profondità, è importante seguire le regole di una corretta igiene del sonno, come andare a dormire ad orari regolari, evitare alcool e caffè nelle ore precedenti al momento di coricarsi, mantenere un’ambiente confortevole in camera senza troppa luce e temperature elevate, oltre a svolgere un’attività fisica regolare.

    E se questo non bastasse è possibile allineare l’orologio biologico naturalmente attraverso l’assunzione di melatonina, una sostanza che noi stessi produciamo che ci aiuta ad addormentarci e mette in armonia tutti i nostri ritmi!

    Contenuto di informazione pubblicitaria