NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Calvizie: presto diremo addio a questa condizione?

Calvizie: presto diremo addio a questa condizione?

Nella calvizie coinvolto vi sarebbe un gene che prende il nome di WNT, che solitamente funziona nella vita embrionale ma che una volta stimolato da una qualsivoglia abrasione si…

da in Benessere, Calvizie, News Salute, Ricerca Medica, Alopecia
Ultimo aggiornamento:

    calvo

    I nostri nipoti potranno dire finalmente addio alla calvizie? Forse, chi lo sa, ma, a quanto pare, parrebbe proprio di si, per lo meno, se verrà convalidato uno studio scientifico recente che si sta rivelando davvero promettente ed i cui lavori sono già stati avviati da un paio d’anni circa.

    Lo studio si svolge già in umana e ciò testimonia lo stato avanzato della sperimentazione e consiste nella rinascita dei follicoli piliferi di coloro che siano rimasti privi dei capelli. Precedenti lavori scientifici sperimentali effettuati sui topi avevano dato ottimi risultati. A procedere con i lavori scientifici ricercatori dell’università della Pennsylvania a Philadelphia.

    Da dirsi che la calvizie è un problema che riguarda molto il genere umano, l’uomo e ancor di più la donna dove un problema di alopecia può rivelarsi deleterio per il suo equilibrio psicologico.

    Per giungere ai risultati dello studio si sarebbe partiti dalla constatazione che laddove si sia verificata una lesione si assiste ad una rigenerazione della pelle e, al centro della ferita, si assiste al contempo alla ricrescita di nuovi peli.

    Perchè accade tutto ciò, si sono chiesti gli scienziati, semplice, la loro risposta, perchè coinvolto in tutto ciò vi sarebbe un gene che prende il nome di WNT, che solitamente funziona nella vita embrionale ma che una volta stimolato da una qualsivoglia abrasione si…. desta e, come per incanto trasforma le cellule staminali in follicoli piliferi ed il “gioco” è fatto! Staremo a vedere….

    Fonte foto: studiovgm

    319

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCalvizieNews SaluteRicerca MedicaAlopecia
    PIÙ POPOLARI