Calvizie: come prevenirla, ce lo dice una proteina

Uno studio americano ha scoperto l’anomalia che sta alla base della calvizie, o alopecia androgenetica: l’accumulo di una proteina, la prostaglandina d2 sintetasi a livello del follicolo capillifero

da , il

    calvizie prevenirla proteina

    La scoperta di una particolare proteina potrebbe prevenire o addirittura arrestare il processo della calvizie. Quest’ultima, il cui nome scientifico è alopecia androgenetica, è un problema comune a molte persone (sia uomini che donne, anche se i primi sono comunque di più), che sarebbero più che felici se si scoprisse il modo o la terapia per bloccarla o prevenirla. Tutto questo, secondo uno studio statunitense, potrà essere realtà dopo aver scoperto, appunto, la particolare proteina che sta alla base della calvizie, rendendo alcune aree glabre ed altre, invece, caratterizzate da una normale crescita pilifera. Sino ad ora sono note altre cause del disturbo, come i fattori genetici e per un’alterazione funzionale del testosterone, ma ciò che accade a livello del capello non era ancora noto.

    Lo studio americano sulla calvizie

    I ricercatori dell’Università della Pennsylvania, guidati dal dottor George Costarelis, dermatologo, hanno condotto uno studio, pubblicato su Science Translational Medicine, su topi di laboratorio e poi anche sull’uomo dopo trapianto di capelli, scoprendo come una particolare proteina, la prostaglandina d2 sintetasi, si accumula nelle cellule dei follicoli capilliferi restringendoli e rendendoli improduttivi. La scoperta è stata resa possibile modificando geneticamente i ratti, rendendoli particolarmente sensibili alla proteina e nascendo, quindi, completamente glabri. I risultati di questo studio americano sottolineano come possa essere possibile individuare il momento giusto nel quale questa proteina si accumulerà nelle cellule del follicolo capillifero ed in questo modo si potrà ritardare o addirittura arrestare il fenomeno della calvizie. Bloccare il processo grazie a questi risultati sarà possibile, e anche più semplice rispetto che a contrastare i fattori accennati prima: azione dell’ormone maschile, il testosterone, e l’attività endocrina a livello genetico. Se i prossimi studi confermeranno questi dati si potranno creare dei farmaci specifici in grado di inibire l’accumulo e quindi l’azione della prostaglandina d2 sintetasi e quindi arrestare la calvizie.

    La proteina prostaglandina d2 sintetasi

    La prostaglandina d2 sintetasi, o PGD2, è una proteina che si lega ad un determinato recettore CRTH2, esplicando la sua azione in determinate zone del corpo e non ovunque. Si trova in abbondanza nei mastociti e nel cervello ed è del tutto assente in altri distretti. Livelli elevati di questa proteina sono responsabili di patologie diffuse, e anche gravi, come l’asma oltre che causare l’insorgenza dell’alopecia androgenetica. Agisce come soffocando il bulbo alla base del capello, o meglio le cellule del follicolo che non riescono più a svolgere la loro normale funzione, portando al restringimento del fusto, e alla loro improduttività; in questo modo il capello muore causando la perdita e la formazione di stempiature e dell’alopecia. Gli scienziati che si stanno occupando di questa ricerca potrebbero fare un grande regalo a tutte quelle persone che sono o che saranno colpiti dalla calvizie.

    Se volete approfondire l’argomento, ecco altri articoli riguardanti le calvizie:

    Curare la calvizie a partire dai peli delle gambe

    Calvizie: dipende dalla quantità di grasso presente nel cuoio capelluto

    Calvizie: la causa nelle cellule staminali inattive

    Calvizie: quella delle donne è curabile