Caldo e sonno: trucchi e rimedi per dormire meglio

Con il caldo, spesso non si riesce a dormire bene. E se il sonno è disturbato, ne risentono tutte le attività quotidiane. Ecco dunque alcuni trucchi per riposare nella maniera corretta anche d’estate, ed essere più attivi durante la giornata.

da , il

    Come dormire bene anche con il caldo

    Il caldo e i disturbi del sonno vanno di pari passo, ma i rimedi per dormire meglio esistono, scopriamoli insieme. Capita a molte persone di passare l’intera notte a girarsi nel letto senza riuscire a prendere sonno, e tutto questo per colpa dell’innalzarsi delle temperature. Soprattutto nelle città, l’afa e l’umidità raggiungono livelli davvero allarmanti e a risentirne sono tutti coloro che non riescono a riposare correttamente. È quindi normale, durante la giornata, essere stanchi, nervosi e meno concentrati del solito. Dunque è importante mettere in atto alcuni stratagemmi per dormire bene anche con il caldo d’estate.

    Non esagerare con l’esposizione al sole

    esposizione al sole11

    Per avere un buon sonno, bisogna partire già da parecchie ore prima di andare a letto. L’estate è la stagione in cui finalmente ci si può godere un po’ di sole, ma fate attenzione: se ci si scotta, la temperatura corporea si innalza e la notte si farà più fatica a prendere sonno.

    Preferire una cena leggera

    cibi leggeri

    Sebbene d’estate sia piacevole fare grigliate con gli amici o andare al ristorante, è necessario fare attenzione ai cibi e alle bevande che si consumano. Tra gli alimenti sconsigliati con il caldo, possiamo annoverare le fritture, i cibi grassi e quelli troppo speziati. Via libera invece a frutta e verdura, che sono leggere e mantengono idratato il nostro corpo. Se si soffre di pressione bassa per il caldo, è possibile aggiungere un pizzico di sale ai propri pasti, facendo attenzione a non esagerare.

    Evitare alcool e bevande zuccherate

    no alcool

    Un occhio di riguardo anche a quello che si beve: l’alcool sarebbe da evitare, perché se è vero che induce sonnolenza, è altrettanto vero che porta ad avere un riposo disturbato e a risvegliarsi spesso durante la notte. Sono sconsigliate anche le bevande zuccherate e, naturalmente, il caffè e il tè – come tutte le bevande eccitanti.

    Fare attenzione alla posizione della camera da letto

    esposizione della camera

    Ovviamente è molto importante cercare di mantenere una temperatura confortevole nella camera da letto, già da alcune ore prima del momento del riposo. Quando il sole batte sulle finestre della camera, fate attenzione a chiudere le tapparelle e a tirare le tende, per evitare di surriscaldare l’ambiente. Al contrario, quando il sole è calato, spalancate le finestre e cambiate aria.

    Dormire in un letto basso

    letto basso

    Il calore tende a salire verso l’alto, quindi un letto basso può farci sentire più fresco. Una soluzione tipo futon è l’ideale, ma nelle notti più calde si può provare anche un materasso appoggiato a terra.

    Usare il condizionatore con moderazione

    termostato

    Se siete tra i fortunati che hanno un condizionatore in camera da letto, sarete tentati di tenerlo acceso tutta la notte per non soffrire il caldo. L’importante è che la temperatura non sia troppo bassa: quella ideale va dai 18° ai 23°C.

    Usare poche luci in camera

    abat jour

    Un altro consiglio importante è quello di non tenere troppe luci accese in camera da letto. Sfruttate la luce solare più che potete, e poi utilizzate lampadine a basso voltaggio, che producono meno calore. Se siete abituati a leggere a letto – cosa che sicuramente concilia il sonno – cercate di accontentarvi di un solo punto luce, magari un’abat jour sul comodino.

    Spegnere le apparecchiature elettroniche

    caricare il telefono

    Da sempre è consigliato non abusare di tv e smartphone prima di andare a letto. Le luci che emettono infatti interferiscono con il sonno. In questo caso il consiglio è ancora più valido, perché tutte le apparecchiature elettroniche, quando in uso, producono calore. Spegnete la tv e non ricaricate il telefono sul comodino, il vostro riposo ne trarrà beneficio.

    Scegliere con cura la biancheria da letto

    lenzuola

    Bisogna fare attenzione alla scelta delle lenzuola: il cotone e il lino sono tessuti naturali, che aiutano la traspirazione e permettono il passaggio dell’aria. Anche il colore della biancheria da letto può risultare importante. I colori chiari infatti attirano meno calore, e sono quindi i più consigliati.

    Indossare il pigiama

    pigiama

    Può sembrare un controsenso, ma indossare il pigiama può aiutare a rimanere più freschi. Questo perché un buon tessuto – lino o cotone – assorbe il sudore e favorisce la traspirazione. Se indossare un pigiama sembra esagerato, possono bastare anche una camicia da notte o una canotta.

    Fare una doccia fresca

    doccia fresca

    Naturalmente il consiglio più seguito è quello di una bella doccia fresca poco prima di andare a letto. In effetti, l’acqua fresca abbassa velocemente la temperatura corporea e ci libera dal sudore.

    Fare un pediluvio

    pediluvio

    Ma non sempre è possibile fare una doccia subito prima di coricarsi. In questo caso, può essere utile immergere i piedi in acqua fresca per qualche minuto. Le estremità infatti sono le parti più sensibili al caldo, e abbassare la loro temperatura con un pediluvio donerà una sensazione di freschezza in tutto il corpo.

    Bere prima di andare a letto

    bere acqua

    L’idratazione è fondamentale, soprattutto in estate. Per dormire bene quando fa molto caldo, non c’è nulla di meglio di un bicchiere di acqua fresca poco prima di coricarsi. Basta fare attenzione a non esagerare: se l’acqua è troppo fredda, si rischia di provocare spiacevoli crampi allo stomaco. Se invece si beve troppo, si avrà più bisogno di andare in bagno e quindi il sonno verrà disturbato da fastidiosi risvegli.

    Scegliere una posizione comoda

    dormire posizione

    Infine un ultimo consiglio per riposare bene: che posizione assumere a letto? Il calore si disperde su una superficie più ampia, quindi è meglio dormire ben distesi e non in posizione fetale. Inoltre aprire leggermente le braccia e le gambe permette di avere più pelle esposta all’aria, e quindi di abbassare la temperatura corporea. Chi soffre di gambe gonfie a causa del caldo, può anche utilizzare dei cuscini per tenerle sollevate.