Caffeina: quali effetti su ipertensione e osteoporosi?

Caffeina: quali effetti su ipertensione e osteoporosi?

Caffè e caffeina, anche se assunte a lungo termine, non dovrebbero esplicare effetti negativi sul sistema vasale e scheletrico, purché assunte in dosi moderate e che, per ogni tazza di caffè, si assuma una sostanza ricca di calcio

da in Alimentazione, Benessere, Caffe', Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    caffeina ipertensione osteoporosi

    In merito a taluni degli ipotizzati rischi per chi assume caffeina, sistematicamente o comunque a lungo termine, si è scritto molto, così che ora c’è una bibliografia poderosa. Ad ogni modo pare che la maggioranza dei nutrizionisti e dei ricercatori sia d’accordo nell’ammettere un’assunzione prolungata, purché in dosi moderate.

    Questo alcaloide, estratto anche dai semi di caffè, è presente in molte bevande e in alcuni cibi, cui si ricorre spesso per affrontare meglio la giornata di lavoro (tazza di caffè o ), per incrementare la resistenza (bevande sportive energetiche a base di caffeina) oppure nell’intento di migliorare le prestazioni fisiche o la termogenesi (pillole di caffeina).

    Tra gli effetti attribuiti a questa sostanza, e studiati, vi sono quelli incidenti sull’osteoporosi e sull’ipertensione.

    Circa l’indebolimento delle ossa, Linda Massey, ricercatrice presso la Washington State University di Pullman, afferma che la quantità di calcio escreta nelle urine è proporzionale al consumo di caffeina. Pertanto, allo scopo di compensare la perdita di calcio indotta dalla caffeina, la scienziata americana suggerisce di bere latte, ad esempio, per ogni dose di caffè ingollata. Ovviamente si può supplire al deficit temporaneo anche ricorrendo ad altri fonti di calcio, come il formaggio, la mozzarella o gli integratori alimentari.

    Fermo restando che l’aumento della pressione sanguigna provocato da una tazza di caffè o tè, oppure da una pillola di caffeina, è temporaneo, sembrerebbe che l’assunzione di dosi moderate non incida negativamente sul sistema vasale. Soltanto una quantità giornaliera di quattro o cinque tazze potrebbe provocarne un innalzamento non trascurabile.

    Bibliografia: Schardt D., Schmidt S. Caffeine: the iniside scoop.

    Nutrition Action HealthLetter 23:1,4-7, december 1996; Lane J.D., et al. Caffeine raises blood pressure at work. Psychosomatic Medicine 60(3):327-330,1998; O’Connel J., M&F, dicembre 1998, Weider Publishing LtD.

    391

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereCaffe'Ricerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI