Caffé: prevenzione naturale

Caffé: prevenzione naturale

Il caffé aiuta nella prevenzione delle malattie cardiovascolari in soggetti adulti sani, aiuta a stimolare la vita sessuale e a digerire e smaltire i grassi e i lipidi nonché i radicali liberi

da in Alimentazione, Apparato Cardiovascolare, Apparato gastrointestinale, Benessere, Caffe'
Ultimo aggiornamento:

    Caffe Italiano

    Il caffé è una bevanda che al mattino aiuta a recuperare la vitalità e lo sprint in poco tempo, grazie alla caffeina, un eccitante che gli italiani hanno conosciuto da molto tempo e hanno eletto “colazione tipica italiana” insieme al cornetto, eventualmente anche nella versione cappuccino con il latte schiumato o in tutte le migliaia di varianti che solo un italiano conosce. Ma la nuova notizia in fatto di caffé dice che la bevanda serve come aiuto alla prevenzione delle malattie, vediamo quali malattie e come aiuta a migliorare la salute.

    Il caffé oltre alla caffeina contiene degli antiossidanti, gli ontiossidanti sono contenuti anche in alcune verdure e in alcuni tipi di grano, che sono consigliati anche per la prevenzione delle malattie legate all’invecchiamento, ma in questo caso si tratta di malattie che sono legate al cuore, ovvero le malattie cardiocircolatorie.

    Secondo quanto riportato in uno studio recente infatti, pare che questa bevanda possa aiutare a superare il problema dei fritti, gli alimenti che sono ricchi di radicali liberi e che portano all’invecchiamento cellulare prematuro, il caffé riesce a difendere dalla sclerosi causata dai depositi di grassi nelle vene e quindi a prevenire stati di malattia legati all’ossidazione delle lipoproteine del colesterolo.

    Non troppo, potrebbe inervosire, ma bere 3/4 caffé al giorno se si è in ottimo stato di salute e non vi sono controindicazioni all’uso fa molto bene, diventa dannoso solo se viene abbinato alla sigaretta e all’alcool. Il caffé protegge dai tumori all’intestino, delle cirrosi e dalle malattie dell’apparato digerente, sempre per la sua funzione di aiuto nella pulizia da residui di grassi depositati nelle cellule, che ostruiscono e non ricambiano la funzione energetica.

    Il caffé, usato nei momenti di sforzo, in stato di debolezza, in momenti di sofferenza dolorosa di media entità, aiuta a superare la crisi e è un buon anestetico interno, aumentando il grado di tollerabilità alla stanchezza e al dolore, ma sempre senza esagerare nelle dosi.

    Una tazza di caffé al giorno aumenta la voglia di sesso, migliorando il desiderio sessuale.

    431

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneApparato CardiovascolareApparato gastrointestinaleBenessereCaffe'
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI