NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Bullismo: riguarda un bambino su 3

Bullismo: riguarda un bambino su 3

La fotografia dei bambini e degli adolescenti italiani fatta da Eurispes e Telefono Azzurro punta l'attenzione sul bullismo: un fenomemo che colpisce 1 bambino su 3, soprattutto a scuola

da in Bambini, Benessere, Psicologia, Scuole
Ultimo aggiornamento:

    bullismo bambini

    È stata presentata in questi giorni, da Telefono Azzurro ed Eurispes, l’Indagine conoscitiva sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Una fotografia della situazione della parte più giovane della popolazione italiana, da cui emerge, in particolare, il fenomeno del bullismo che, secondo i dati presentati, riguarda 1 bambino su 3, per lo più in ambito scolastico.

    Quali sono le vittime predilette di bulli? Secondo le testimonianze dei bambini, a essere colpiti sono quei ragazzini che non appaiono in grado di difendersi (30,5%). Per il 13,4% anche solo andare a scuola può rappresentare un buon pretesto per essere vittime dei compagni più aggressivi, a ulteriore testimonianza di come sia la scuola lo “scenario” in cui i bulli agiscono più frequentemente.


    Secondo i bambini, è più facilmente vittima delle angherie dei bulli: chi ha difetti fisici più o meno gravi (6,7%), chi è straniero (6,3%), e, in misura minore, chi ha un particolare stile nell’abbigliamento (4,6%) e chi ha delle ambiguità di comportamento legate all’identità sessuale (3,2%).

    La lista dei soprusi perpetrati dai piccoli bulli è lunga: le offese immotivate sono l’episodio più frequente (nel 27,8% dei casi), seguono provocazioni e prese in giro (27,4%), ma anche la diffusione di false notizie sul proprio conto (20,4%), danni a oggetti (16,8%), l’esclusione dal gruppo dei pari (15,2%), minacce (11,4%), furti di merendine (9%), percosse (7,8%), per finire con i furti di denaro (4,9%). Dall’indagine emerge come le bambine siano le vittime predilette di offese immotivate, diffamazione e emarginazione, mentre sono i maschietti quelli che subiscono più frequentemente il danneggiamento di oggetti e le minacce.

    Ma quando invece che vittime si è spettatori di un episodio di bullismo, come si comportano i bambini? Il 30,3% prova rabbia, il 25,7% paura, il 19,7% pena nei confronti della vittima, ma un 10% si schiera più o meno consapevolmente con il bullo, provando divertimento di fronte alle angherie (3,1%), ammirazione (1,7%) o addirittura invidia (2,7%) o, comunque, indifferenza (3,4%).

    400

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniBenesserePsicologiaScuole
    PIÙ POPOLARI