Bullismo al femminile

Il rapporto tra le ragazze e i ragazzi, grazie anche alla parita' effettiva di diritti e doveri gia' da giovani, porta femmine e maschi a un confronto che e' anche fisico, fatto di liti anche col partner, che sfociano in rissa mista

da , il

    Bullismo

    Secondo quanto emerge dalle relazioni di educatori e insegnanti le ragazzine, che fino a pochi anni fa si distinguevano per la finezza e per l’eleganza nelle maniere, sarebbero in piena evoluzione, e sarebbero sempre di piu’ quelle ragazze che, con violenza e aggressivita’, anche contro le altre femmine, conquistano ruoli di dominanza nei gruppi di adolescenti.

    Questa e’ la nuova moda, se cosi’ la si vuole definire, che ha rovesciato il modo di comportarsi di ragazzi e ragazze, contagiando con il peggio il gentil sesso: non piu’ ragazzi violenti, ma ragazze cattive e spietate, che riescono anche a entrare, a volte, nelle redazioni di cronaca nera, per le loro azioni. Erica docet.

    Ma non solo tragedie: anche piccole azioni, come aggressioni fisiche, insulti, provocazioni, danni agli oggetti e alle cose delle “nemiche”, mobbing, prese ingiro, e cosi’ via.

    Il rapporto tra le ragazze e i ragazzi, grazie anche alla parita’ effettiva di diritti e doveri gia’ da giovani, porta femmine e maschi a un confronto che e’ anche fisico, fatto di liti anche col partner, che sfociano in rissa mista.

    Sarebbe proprio con lo sviluppo delle attezioni sessuali che il bullismo femminile predominerebbe, quasi per rappresentare il valore condiviso della “leaderanza”: le bulle sono piu’ attive e piu’ precoci, annoverano un numero maggiore di partner, e portano nella coppia tensioni e conflitti.

    Le vittime delle bulle, invece, pur nella loro maggiore predisposizione ad avviare delle relazioni appaganti e pacifiche, sarebbero molto meno attive e incapaci di avviare delle relazioni sentimentali, a causa di una chiusura rafforzata dalla sudditanza rispetto alle colleghe donne.

    Secondo gli esperti in psicologia sociale, questo comportamento delle ragazze, coincidente con lo sviluppo sessuale, sarebbe il segno che in realta’ non c’e’ una vera comunicazione alla pari tra i sessi, che viene strappata attraverso questi tentativi di livellamento comportamentale.