NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Botulino: usiamolo per curare tumori e asma

Botulino: usiamolo per curare tumori e asma

Ma adesso la tossina botulinica, opportunamente modificata, assurge ai ranghi terapeutici in mano a chi sarebbe in grado, con tale sostanza, di intervenire contro l’asma, anche di natura allergica e domani pure sui tumori

da in Botulino, Farmaci, Malattie, News Salute, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    botulino

    Strano destino quello del botulino, innominata tossina fino a qualche anno fa, perché ben si sapeva che si sviluppava, ad esempio, nelle conserve e nei sughi mal conservati ed era capace di uccidere una persona al primo manifestarsi dei sintomi, per poi passare di bocca in bocca nell’ultimo periodo nei luoghi appositi, indicando un mezzo in mano a medici e si spera solo a loro, in grado di interagire sulle rughe e sugli inestetismi dell’età; insomma un vero elisir di lunga vita!

    Ma adesso la tossina botulinica, opportunamente modificata, assurge ai ranghi terapeutici in mano a chi sarebbe in grado, con tale sostanza, di intervenire contro l’asma, anche di natura allergica e domani pure sui tumori.

    Ad operare in tal senso un team di ricercatori del Medical College of Wisconsin a Milwaukee con
    Joseph Barbieri a capo della ricerca che spiega: “Il Botox normalmente agisce sulle proteine SNARE, che si trovano nelle membrane cellulari e che permettono alle cellule di rilasciare sostanze specifiche. Il Botox finora usato rompe solo le SNARE che agiscono sui neuroni, bloccando il passaggio di neurotrasmettitori. In pratica, taglia il collegamento tra muscolo e cervello”.

    Insomma, intervenendo sulle cellule epiteliali si agirebbe bloccando le proteine SNARE evitando il rilascio di sostanze dannose alla salute. Ed ecco come si giungerebbe al controllo dell’asma “Ad esempio, nell’asma le cellule dell’epitelio dei polmoni rilasciano troppo muco, rendendo difficile la respirazione.

    Abbiamo iniettato il Botox modificato e programmato per agire sulle cellule polmonari e c’e’ stato un blocco del rilascio di citochine, con una conseguente riduzione del muco”. Questo risultato offre una nuova tecnica per il trattamento dell’asma e una possibilita’ per una nuova cura per il cancro. “Le cellule cancerose producono troppe citochine”, ha detto Barbieri. “Il nostro prossimo obiettivo sara’ modificare il Botox per bloccare queste citochine, agendo solo sulle cellule bersaglio”.

    370

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BotulinoFarmaciMalattieNews SaluteTumori
    PIÙ POPOLARI