Botulino antirughe: sondaggio scientifico confermerebbe sicurezza

Botulino antirughe: sondaggio scientifico confermerebbe sicurezza

Botulino contro le rughe: sicuro o no? Per la SICPRE la tossina botulinica è sicura ed efficace, se usatra ovviamente da medici esperti, come quelli interpellati in un recente sondaggio scientifico

da in Botulino, Estetica e Trattamenti, In Evidenza, News Salute, Rughe, Medicina-Estetica
Ultimo aggiornamento:

    Sicurezza del botulino antirughe

    L’uso della tossina botulinica A in campo estetico, contro le rughe, è sicuro: questa in estrema sintesi la conclusione di un sondaggio scientifico, presentato all’ultimo congresso nazionale della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica (SICPRE), condotto su tutto il territorio nazionale proprio allo scopo di rilevare e valutare le reazioni avverse di questo trattamento estetico.

    Sulla sicurezza del botulino, infatti, si dibatte spesso. Con questo sondaggio la si è voluta accertare sul campo, coinvolgendo proprio i medici esperti nell’uso di questa tossina: 147, tutti chirurghi plastici, dermatologi e medici estetici, quelli che hanno risposto alle 54 domande del sondaggio, nelle quali erano descritti tutti gli effetti collaterali attribuiti, negli studi scientifici, all’uso della tossina botulinica sia in campo estetico, come antirughe, sia in campo terapeutico (non dimentichiamo, infatti, che le iniezioni di botulino sono usate anche in medicina, contro problematiche di salute, come, per esempio, l’emicrania).

    Sono sufficienti 147 medici per arrivare a conclusioni valide? “Il numero di fiale di tossina botulinica utilizzato ogni anno dal campione di medici partecipanti allo studio è stimato in un range che va da 10.400 a 24.400 per anno (calcolando un anno lavorativo di 10 mesi)” spiegano in una nota i tre medici – Maurizio Benci, dermatologo a Firenze, Pierfrancesco Cirillo, chirurgo plastico a Roma e Carlo Bertana, dermatologo a Roma – che hanno presentato il sondaggio al congresso SICPRE. “Lo studio effettuato su un così grande numero di trattamenti permette di dare una risposta esauriente e probante dal punto di vista dell’evidenza scientifica e statistica, e rappresenta uno degli studi con il più alto numero di trattamenti indagati scientificamente”.

    I risultati, che saranno pubblicati sulla rivista scientifica Aesthetic Plastic Surgery Journal, non avrebbero evidenziato nessun caso grave e/o permanente, in particolare nessuna conseguenza fatale dovuta alle iniezioni di tossina botulinica così come nessuna invalidità permanente.


    Si sono, invece, registrati eventi avversi comuni, considerati, dagli esperti, lievi e passeggeri: “Consistono in fenomeni locali di non grave entità, transitori e reversibili, del tipo di reazioni irritative cutanee, dolore in sede di iniezione, ecchimosi, asimmetria, modesti sintomi oculari” ricordano i medici. “Le percentuali di eventi avversi riportati sono notevolmente inferiori rispetto alle percentuali riportati da lavori scientifici pubblicati in anni precedenti a dimostrazione del fatto che il migliore addestramento e un utilizzo esperto fanno cadere la curva delle complicazioni”.

    Infatti, se il risultato del sondaggio dovrebbe tranquillizzare i cittadini, è importante non dimenticare che la tossina botulinica è un farmaco e come tale deve essere utilizzato solo da personale medico molto preparato.

    520

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BotulinoEstetica e TrattamentiIn EvidenzaNews SaluteRugheMedicina-Estetica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI