Blocco dei tir mette a rischio le forniture agli ospedali

Blocco dei tir mette a rischio le forniture agli ospedali

Il blocco dei tir, il caos nel settore dei trasporti degli ultimi giorni rischia di mettere in pericolo le forniture sanitarie agli ospedali e, di conseguenza, la salute dei pazienti

da in Farmaci, News Salute, Ospedali, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    blocco dei tir, rischio per le forniture ospedaliere

    Le agitazioni di questi giorni, gli scioperi dei trasportatori e, soprattutto, i blocchi dei tir che attraversano tutto lo Stivale rischiano di mettere in serio pericolo le forniture sanitarie agli ospedali italiani. Una situazione che non può essere sottovalutata e che, se non arginata in tempo, potrebbe lasciare le strutture sanitarie del Bel Paese senza i mezzi necessari per fornire l’adeguata assistenza ai pazienti.

    “E’ necessario che il Governo e le organizzazioni del trasporto in stato di agitazione intervengano urgentemente per favorire la consegna delle forniture sanitarie e limitare i disagi delle proteste che, al di là di un danno relativo per le aziende, stanno mettendo a rischio la salute di migliaia di pazienti in tutta Italia”. E’ questa la richiesta, chiara e forte, fatta da Assobiomedica, l’Associazione di Confindustria che rappresenta la quasi totalità delle imprese biomedicali e diagnostiche, che nei giorni scorsi ha ricevuto da numerose aziende associate comunicazioni allarmanti da parte dei clienti (principalmente ospedali e strutture sanitarie) sulla mancata consegna degli ordinativi di ogni genere, dalle siringhe, ai cateteri fino ai farmaci.

    Un pericolo concreto, quello degli ospedali italiani, che assume profili ancora più allarmanti e preoccupanti nel caso di pazienti affetti da patologie croniche, come quelli che soffrono di problemi renali e che devono sottoporsi alla dialisi.

    “La situazione è a dir poco esplosiva come è facile immaginare, si tratta infatti di prodotti necessari e spesso indispensabili per le cure ai pazienti, la cui mancata consegna mette a rischio la loro incolumità. Pur comprendendo il diritto degli autotrasportatori a legittime forme di protesta, Assobiomedica li invita a permettere il passaggio di prodotti sanitari al fine di evitare conseguenze gravissime per la salute dei pazienti.

    Assobiomedica chiede al Governo, in particolare al ministero degli Interni e al ministero della Salute, nonché alla Commissione di Garanzia e Sciopero, di intervenire immediatamente per garantire la regolare consegna a ospedali e strutture sanitarie per evitare l’aggravarsi della drammatica situazione” ha spiegato l’associazione di Confindustria.

    410

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciNews SaluteOspedaliSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI