Blocco auto contro lo smog per la salute dei cittadini

Blocco auto contro lo smog per la salute dei cittadini

Per domenica prossima è stato disposto il blocco auto in tutta la Pianura Padana, anche se non tutti i comuni hanno aderito

da in Benessere, Inquinamento, Primo Piano, Sanità, ambiente
Ultimo aggiornamento:

    smog

    Il rispetto dell’ambiente non è un elemento accessorio che ognuno dovrebbe far rientrare di tanto in tanto nelle abitudini personali, ma è una questione di fondamentale importanza anche perché da esso dipende in modo evidente la salute di chi vive in un determinato contesto. Lo smog infatti può portare a gravi conseguenze per la salute dei cittadini.

    Ed è proprio in vista della salute dei cittadini che è stato deciso il blocco delle auto per domenica prossima in tutta la Pianura Padana. Sulla questione il sindaco di Milano Letizia Moratti si è dichiarata soddisfatta, avendo deciso di aderire all’iniziativa che ha segnato comunque una vera e propria spaccatura fra i comuni che erano invitati a partecipare. Non tutti infatti hanno stabilito di fermare la circolazione delle automobili, probabilmente pensando che questo non sia il mezzo efficace per risolvere il problema dello smog.

    In modo particolare a Milano la situazione è piuttosto complicata da gestire, considerato che il capoluogo lombardo è un grande centro produttivo e che vede l’organizzazione di molti eventi soprattutto nell’ambito della moda, i quali portano all’afflusso di un numero notevole di auto utilizzate per gli spostamenti.

    Proprio al settore della moda ha pensato il sindaco di Milano, che in questo ambito ha concesso alcune deroghe.

    È stato comunque reso noto che si tratta soltanto di 5 o 6.000 deroghe, che a livello quantitativo sono inferiori di molto al numero di auto di solito circolanti. Un’iniziativa quella del blocco auto, che darà un contributo sostanziale ad un problema che riguarda tutti e non può essere ignorato.

    Immagine tratta da: albertofangazio.files.wordpress.com

    333

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereInquinamentoPrimo PianoSanitàambiente
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI