Biancospino: proprietà, benefici e controindicazioni

Biancospino: proprietà, benefici e controindicazioni

Quali sono le proprietà, i benefici e le controindicazioni del biancospino? Scopriamole insieme

da in Erbe Officinali, Medicine non Convenzionali
Ultimo aggiornamento:

    Biancospino

    Quali sono le proprietà, i benefici e le controindicazioni del biancospino? Questa pianta – il cui nome meno conosciuto è Crataegus Oxyacantha – fa parte della famiglia delle Rosaceae e, se nell’antichità veniva considerata solo una pianta ornamentale, oggi viene impiegata per scopi terapeutici per via delle sue numerose proprietà benefiche che sono state scoperte solo dopo il Medioevo. Scopriamo insieme quali sono alcune delle proprietà e dei benefici del biancospino, compresi eventuali effetti collaterali.

    Proprietà e benefici

    Il biancospino è una pianta dalle numerose proprietà benefiche. Le foglie ed i fiori del biancospino sono ricchi di flavoinoidi: questi sono degli ottimi antiossidanti naturali che contribuiscono a combattere la pressione alta, aiutando nella protezione del sistema cardiovascolare. Inoltre, questa pianta favorisce la pulizia delle arterie dal colesterolo ed i proantocianidoli contenuti in essa aiutano a rafforzare il cuore. Il biancospino è indicato per chi soffre di aritmie, tachicardia ed extrasistole, in special modo in soggetti anziani o, comunque, a rischio di infarto.

    L’assunzione di questa preziosa pianta è, inoltre, molto utile per chi soffre di ansia – che può essere curata anche tramite altri validi rimedi naturali - nervi, angoscia, insonnia ed ha bisogno di rilassarsi e calmarsi: questo grazie alla vitexina, che vanta un’azione sedativa perfetta in casi come questi. Le proprietà benefiche del biancospino non terminano qui: è, infatti, ottimo da assumere come infuso per chi desidera migliorare la propria concentrazione e come rimedio naturale contro la stipsi, se assunto per almeno 5 settimane. L’infuso può essere acquistato direttamente in erboristeria o preparato a casa mettendo in infusione, in una tazza di acqua, un cucchiaio di foglie e fiori di biancospino per una decina di minuti, da filtrare successivamente e bere: questo infuso va assunto lontano dai pasti o prima di dormire, se si desidera beneficiare del suo effetto sedativo.

    Controindicazioni

    Il biancospino non ha effetti collaterali e controindicazioni particolari tranne, per l’appunto – com’è facile immaginare – per chi soffre di pressione bassa, essendo indicato nei casi di ipertensione. Dunque, ad esempio, se desiderate assumerlo come rimedio naturale contro stati di angoscia ed ansia o nei casi di insonnia, ma soffrite di pressione bassa, è bene che consultiate prima il vostro medico che saprà darvi i consigli giusti in merito.

    470

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Erbe OfficinaliMedicine non Convenzionali
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI