Benessere: i lavoratori stanno meglio al venerdì

Benessere: i lavoratori stanno meglio al venerdì

«I lavoratori, anche quelli che fanno un lavoro interessante e di alto livello, sono davvero più felici nel weekend - assicura Ryan - I nostri dati evidenziano dunque quanto il tempo libero sia importante per il benessere di ognuno»

da in Ansia, Benessere, Malattie, Stress
Ultimo aggiornamento:

    Impiegati

    A volte le scoperte degli scienziati sembrano tanto scontate da indurre ilarità; ad esempio… una delle ultime trovate di un gruppo di autorevoli ricercatori riguarda la constatazione che i lavoratori, per lo più dipendenti, siano essi impiegati, operai non turnisti e via di seguito, il venerdì siano di umore più gioviale rispetto a tutti gli altri giorni della settimana e sapete perché? Perché non lavoreranno il week end.

    A questo punto la domanda nasce spontanea, ma c’era proprio bisogno di scomodare la scienza per addivenire a questo risultato più che ovvio? Forse no, tuttavia bisogna dare atto ai ricercatori dell’Università di Rochester pubblicato sul “Journal of Social and Clinical Psychology” di aver misurato questa soglia di piacere non solo in quei lavoratori frustrati che non vedono l’ora di vincere al Superenalotto per mandare a quel paese, colleghi, capi uffici, superiori, donne delle pulizie e qualunque essere pensante o respirante si aggiri nel proprio ufficio, ma stessa gaiezza è insita anche in coloro che lavorano e traggono piacere dal loro impegno; insomma, come dire, lavorare è bello, riposarsi è ancor meglio!

    E non è questione di stress, ansia da lavoro o frustrazione che genera alla lunga depressione e dunque tutte motivazioni che indurrebbero chiunque a staccare la spina almeno per due giorni; il team di scienziati diretto da Richard Ryan, psicologo dell’ateneo americano, che ha indagato sul fenomeno insieme a Jessey Bernstein della McGill University (Canada), riporta il fatto che tale benefico effetto riscontrabile nei lavoratori è annesso alla necessità da parte del lavoratore di ritagliarsi ore e giornate tutte per lui, per organizzare in proprio gli impegni, trascorrere con le persone con cui si sta bene le proprie giornate, atteso che non è proprio scritto da nessuna parte che dobbiate stare bene con il collega d’ufficio anche se condividete larga parte della settimana con lui.

    «I lavoratori, anche quelli che fanno un lavoro interessante e di alto livello, sono davvero più felici nel weekend – assicura Ryan – I nostri dati evidenziano dunque quanto il tempo libero sia importante per il benessere di ognuno».

    E a livello diverso tale teoria vale a tutte le età, visto che lo studio è stato compiuto in un gruppo di volontari che avevano un’età compresa fra i 18 ed i 64 anni impegnati a lavoro almeno per 30 ore settimanali. La ricerca è stata lunga e dettagliata ed ha evidenziato anche i disturbi fisici che si accompagnano al lavoro stesso, crampi allo stomaco, emicrania e via di seguito spariti come per incanto in concomitanza con l’inizio del weekend.

    E non importa il proprio stato civile, si sta meglio da sposati, da single da divorziati; insomma un benessere universale accomuna tutti i lavoratori che possono fare vacanza il sabato e la domenica.

    516

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnsiaBenessereMalattieStress
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI