Benessere e salute: un buon aiuto da internet

Benessere e salute: un buon aiuto da internet

Cercare e trovare delle informazioni su internet per la cura della salute va bene, a patto che si scelgano dei portali tematici che hanno una certa affidabilità, mai assumere le informazioni come prescrizione e sempre confrontare la propria situazione con l'aiuto del medico, ecco la ricetta per usare al meglio la rete in fatto di salute

da in Benessere, Malattie, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    Curarsi su Internet

    Curarsi su internet, cercare delle informazioni su medicinali, malattie e disturbi è una abitudine che almeno due italiani su dieci hanno: il motivo per cui questo succede è legato alle abitudini quotidiane, si usa internet per comunicare, per descrivere, per cercare dunque anche per curarsi. Ma che cosa significa questo dal punto di vista medico?

    Se i siti recensiti di medicina sono più di 200 mila lo stesso non si può dire dei siti curati da tecnici e medici specializzati: se in alcuni casi la qualità e l’affidabilità sono massime, non si può sempre dire che sia così.

    Ecco che il problema allora si presenta: per i siti qualitativamente superiori la strada è aperta, ma il rischio è che ci siano dei siti che riportano informazioni non corrette o informazioni che possono essere dannose per la salute del paziente, ecco che contro questi siti è accanita la discussione sull’opportunità di mantenerli in vita come materiale informativo.

    E mentre gli utenti si dedicano alla ricerca di informazioni sulle malattie più strane e più complesse, dando vita a una vera e propria strategia di autoformazione, dall’altra le società cercano di offrire il meglio all’utenza, grazie al potenziamento degli aggregatori di notizie e dei motori di ricerca, dedicando alla salute, in alcuni casi, interi portali curati da tecnici specializzati.

    Trovare su internet una risposta alle proprie malattie va bene, purché si cerchi di verificarne l’esito con un medico in carne ed ossa, in grado di prevedere e di consigliare sulle scelte da fare. Buono allora l’approccio simultaneo e no alle scelte di apertura o chiusura radicali: per questo sono nati dei portali che, oltre a informare e a rispondere sullo stato di salute possono mettere a disposizione anche un vero e proprio medico che possa seguire il malato esattamente come fanno tutti gli specialisti dell’ordine.

    Esiste tuttavia una istituzione ginevrina, la Health on the Net, che previo richiesta restituisce dopo la visione e la consulenza dei siti in questione un “Hon Code” cioè una certificazione di qualità che garantisce per quanto contenuto nel sito e negli articoli del sito, fermo restando che, senza il diretto contatto tra paziente e medico le informazioni possono avere carattere descrittivo, ma non prescrittivo.

    Immagini tratte da Blogosfere Web 2.0

    481

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereMalattiePrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI