Batterio killer: morto un bambino in Germania

Batterio killer: morto un bambino in Germania

Il batterio killer ha colpito una piccola vita: la nuova vittima dell’Escherichia coli, per la prima volta, è un bambino, deceduto in Bassa Sassonia

da in Bambini, Batteri, Infezioni
Ultimo aggiornamento:

    batterio killer fa una piccola vittima

    Il tanto temuto batterio killer, il nuovo tipo di Escherichia coli che ha letteralmente seminato il panico in mezza Europa e non solo, aggiunge al suo triste elenco di vittime, una piccola vita, un bambino. Il bimbo tedesco, colpito dall’infezione a Celle, in Bassa Sassonia, propria nella regione dove è stato individuato il focolaio che ha dato origine all’epidemia, è morto.

    Non è la prima volta che il batterio killer uccide, come tristemente noto, ma è la prima volta che questo terribile microrganismo sceglie come bersaglio un bambino, portandolo alla morte. Un batterio dal profilo ancora non del tutto chiaro, che è balzato agli onori delle cronache peggiori, quelle che parlano di morte, allarme sanitari e alimenti contaminati, qualche settimana fa e, nonostante i primi segnali rassicuranti di diminuzione dei casi, sembra riservare ancora spiacevoli sorprese.

    La conferma della morte del bimbo arriva dalle fonti ufficiali, le autorità sanitarie tedesche, le protagoniste, loro malgrado, di questa emergenza, un’epidemia di Escherichia coli, che ha già al suo attivo 36 morti in Germania e uno in Svezia.

    La vittima più giovane dell’infezione da E.coli, in Germania, fino a qualche ora fa era un giovane di 20 anni, ora la soglia di età sembra essersi tragicamente abbassata, con la morte del piccolo in Bassa Sassonia, deceduto per la sindrome uremico emolitica (Hus), una patologia strettamente connessa all’azione del batterio killer.

    La piccola vittima del microrganismo non è la sola della sua famiglia: anche il padre e un fratello di dieci anni sono stati colpiti dall’infezione, ma entrambi sono in via di guarigione.

    333

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniBatteriInfezioni
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI