Batteri fecali nel ghiaccio da Starbucks, Costa e Caffè Nero: i risultati di un’inchiesta della Bbc

La Bbc ha condotto un’inchiesta dai risultati scioccanti: nel ghiaccio utilizzato per alcune bibite di catene quali Starbucks, Costa e Caffè Nero sono stati rinvenuti batteri fecali. Imbarazzata la reazione delle aziende coinvolte dall’indagine.

da , il

    batteri fecali starbucks

    Un’inchiesta della Bbc ha portato alla scoperta della presenza di batteri fecali nel ghiaccio alimentare usato per raffreddare le bibite di alcune importanti catene di caffetteria della Gran Bretagna. In particolare, nell’occhio del ciclone sono finiti grandi nomi quali Starbucks, Costa e Caffè Nero. Sono decine i locali in cui sono stati compiuti i rilievi, e i risultati sono sconcertanti.

    Batteri fecali nel ghiaccio delle bibite

    È stata infatti rinvenuta un’allarmante presenza di batteri fecali coliformi all’interno del ghiaccio utilizzato per preparare le bibite di Starbucks, Costa e Caffè Nero. Proprio di recente in Italia si è tenuto un incontro sui rischi del ghiaccio alimentare contaminato, che può provocare gravi problemi di salute. A quanto pare, anche al di là della Manica si presenta lo stesso problema.

    I risultati delle indagini della Bbc

    L’inchiesta, condotta in gran segreto dalla Bbc, si è basata sull’analisi di diversi campioni di bevande prelevati di nascosto da decine di caffetterie del Regno Unito. Tracce di batteri fecali sono state rinvenute nel 30% dei campioni prelevati da Starbucks e da Caffè Nero. Per quanto riguarda invece Costa, sono addirittura il 70% i campioni contaminati.

    Tony Lewis, un esperto del settore, ha dichiarato che si tratta di una questione davvero allarmante. “Non dovrebbero esserci in qualunque misura, altro che i valori rilevanti trovati” – ha affermato in merito alla presenza di alti valori di batteri fecali rinvenuti nelle bevande. Il rischio è di contrarre pericolose infezioni gastrointestinali o altre malattie.

    La reazione delle aziende coinvolte

    Le aziende coinvolte nell’inchiesta hanno reagito in maniera imbarazzata. Un portavoce di Starbucks ha ribadito che il rispetto delle norme sull’igiene è considerato “con estrema serietà”. Caffè Nero ha invece ribattuto che indagherà personalmente sula questione e verranno effettuate “azioni appropriate”.