Bassa la statura, alto il rischio cardiovascolare

Bassa la statura, alto il rischio cardiovascolare

Il formato "ridotto", quando si tratta di uomini e donne, può implicare uno spiacevole aumento di rischio cardiaco: il cuore delle persone basse corre più pericoli di ammalarsi

da in Cuore, In Evidenza, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    La bassa statura aumenta i rischi per il cuore

    Statura mini e maxi rischio cardiovascolare? Sembra proprio di sì, almeno stando ai risultati di un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori finlandesi. Essere “mignon”, dalla statura bassa, aumenta il pericolo di incorrere in una malattia cardiaca: se non potete vantare un’altezza abbastanza importante e rientrate tra i bassottelli, attenzione, i rischi per la salute del vostro cuore potrebbero essere dietro l’angolo.

    La ricerca, pubblicata dagli studiosi finlandesi nell’ultimo numero dell’European Heart Journal, lascia poco spazio alle incertezze: altezza sotto la media significa cuore in pericolo. L’altezza minima, al di sotto della quale si corrono maggiori rischi cardiaci, è 165,4 centimentri per gli uomini e 153 centimentri per le donne. Se non si raggiungono questi centimentri di statura, le probabilità di sviluppare malattie cardiache incrementano di circa 1,5 volte, rispetto alle persone più alte.

    I ricercatori dell’Università di Tampere hanno esaminato i dati di 3 milioni di persone, raccolti nell’arco circa 52 studi precendenti.

    Le evidenze scientifiche sono chiare, anche se risultano meno evidenti i meccanismi precisi di questa correlazione. Il legame esiste, ma niente allarmismi, sottolineano gli scienziati, autori dello studio, perchè l’altezza è solo uno dei fattori di rischio, che può concorrere, in associazione con altri, alla comparsa delle malattie cardiache. Quindi, la prevenzione, fondamentale in tutti i casi, diventa ancora più cruciale quando manca qualche centimetro di statura: no al fumo, alla vita troppo sedentaria, al sovrappeso, ai livelli alti di colesterolo e all’abuso di alcol.

    Immagine tratta da: bericericercatore.it

    322

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CuoreIn EvidenzaNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI