Bambini: sport per sviluppare muscoli e cervello

Bambini: sport per sviluppare muscoli e cervello

Lo sport dovrebbe essere uno dei protagonisti della vita di ogni bambino, perché stimola lo sviluppo dei muscoli, ma, soprattutto perché è un vero toccasana per la mente e il cervello

da in Bambini, Cervello, News Salute, Sport
Ultimo aggiornamento:

    Bambini, sport anche per il cervello

    Bambini, meglio muoversi, non solo per il corpo, ma anche e soprattutto per la mente: ecco il consiglio degli esperti statunitensi. Lo sport si conferma un vero toccasana per lo sviluppo psicofisico dei piccoli, che allenano al meglio i muscoli e il cervello, grazie alla buona abitudine di svolgere attività fisica, almeno stando ai risultati di uno studio a stelle e strisce, condotto da un gruppo di ricercatori dell’University of Illinois, negli Stati Uniti.

    Se durante l’infanzia il corpo è più attivo anche il cervello ne guadagna: lo studio Usa ha evidenziato che i bambini più sportivi, di età compresa tra i 9 e i 10 anni, hanno un’area cerebrale, l’ippocampo, maggiormente sviluppato, più grande, rispetto ai coetanei più pigri e sedentari.

    Ippocampo più sviluppato, ma non solo, i piccoli amanti dell’attività fisica ottengono anche risultati migliori nei test di memoria. Quindi? Bando alla pigrizia, fin dai primi anni di vita, per dare la giusta spinta al fisico, ma, soprattutto al cervello e alle attività cognitive.

    Come si legge sulle pagine di Brain Research, gli scienziati statunitensi hanno esaminato le dimensioni cerebrali di 49 piccoli volontari, attraverso la risonanza magnetica, ne hanno monitorato, confrontato abitudini e stili di vita, per decretare l’importanza dello sport durante l’infanzia.

    “Si tratta del primo studio che, a quanto so, abbia usato la risonanza magnetica per misurare le differenze nel cervello tra i bimbi ‘fit’ e quelli che invece non lo sono. Oltretutto, colleghiamo queste misure allo sviluppo cognitivo” ha sottolineato uno degli autori della ricerca, Art Kramer, psicologo dell’ateneo statunitense.

    La sperimentazione si è concentrata su una struttura particolare del cervello, l’ippocampo, che svolge un ruolo fondamentale in molti processi cognitivi, come apprendimento e memoria.

    378

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniCervelloNews SaluteSport
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI