Bambini: più bravi a scuola se si avvicinano alla musica

Bambini: più bravi a scuola se si avvicinano alla musica

Una ricerca dimostra che i bambini che si avvicinano alla musica hanno maggiori possibilità di conseguire risultati positivi in ambito scolastico, soprattutto nella lettura e nella matematica

da in Adolescenti, Benessere, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    musica

    Non tutti i bambini dimostrano di ottenere gli stessi risultati in ambito scolastico. Per alcuni il rendimento a scuola raggiunge un grado più elevato, mentre altri fanno molta più fatica a raggiungere il livello della sufficienza e a volte neppure quello. Sono molti i fattori che influiscono sul risultato scolastico di bambini e adolescenti, dalla condizione psicologica dei soggetti in formazione all’ambiente familiare e sociale, ma di recente si è appurato che anche la musica dà il suo contributo.

    A dimostrare questo è stata una ricerca pubblicata su “Social Science Quarterly”, che ha messo in evidenza come i ragazzi che da piccoli si avvicinano al mondo della musica, attraverso lezioni seguite o attraverso la partecipazione a concerti, riescono a conseguire risultati più positivi a scuola, soprattutto nel campo della lettura e della matematica.

    Darby Southgate e Vincent Roscigno della Ohio State University, negli Stati Uniti, sono arrivati a queste conclusioni monitorando l’andamento scolastico di allieve delle scuole elementari e superiori. Lo studio ha dimostrato anche che la partecipazione a situazioni in cui la musica è la protagonista è condizionata dallo status socioeconomico dei soggetti e dalla loro etnia.

    D’altronde le famiglie che possono contare su una situazione sociale ed economica più elevata hanno anche maggiori possibilità di far seguire ai loro figli corsi di musica o di farli prendere parte ad eventi musicali. Dal variegato panorama etnico statunitense oggetto di studio è emerso anche che bianchi e asiatici sono quelli che maggiormente tendono ad avvicinarsi alla musica, soprattutto agli ispanici.

    Gli afro-americani invece non sarebbero particolarmente propensi allo studio di uno strumento, anche se partecipano ad eventi a carattere musicale.

    Sono dati limitati ad una ricerca, che ovviamente non possono essere generalizzati. In ogni caso sono risultati importanti, che mettono l’accento sull’importanza di educare i bambini alla musica, potenziando le loro abilità e la loro creatività.

    Immagine tratta da: www.rosminigr.it

    384

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBenesserePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI