Bambini: meno obesi se la madre lavora mezza giornata

Bambini: meno obesi se la madre lavora mezza giornata

Una recente ricerca ha messo in evidenza che i bambini crescono più in salute in termini di abitudini alimentari, se la madre lavora part-time ed ha così più tempo da dedicare ai figli

da in Alimentazione, Dieta, Obesità, Ricerca Medica, Stress
Ultimo aggiornamento:

    salute bambini

    Il lavoro è indispensabile, ma non è tutto, specialmente se può essere nocivo alla salute. E non si tratta soltanto dello stress che si accumula in seguito alle mille incombenze lavorative. Il lavoro può condizionare in maniera forte anche chi ci sta accanto. Specialmente per le donne conciliare impegni lavorativi e tempo da dedicare alla famiglia è difficile.

    Eppure uno sforzo va fatto, soprattutto se si tiene alle condizioni di salute dei propri figli. Secondo i ricercatori del Murdoch Children’s Research Institute di Melbourne la strategia migliore da adottare sarebbe quella di dedicarsi ad un lavoro part-time, in modo da avere il resto della giornata a disposizione per potersi dedicare ai figli. Soltanto in questo modo i bambini potrebbero crescere più in salute, soprattutto per quanto concerne le abitudini alimentari.

    Gli studiosi hanno preso in considerazione più di 4.000 bambini, di cui per un periodo di due anni hanno controllato il peso corporeo e le abitudini di vita. Ne hanno potuto concludere che i figli che avevano una madre che lavorava mezza giornata avevano anche un rischio minore di incorrere nell’obesità.

    Tutto questo si spiegherebbe col fatto che le donne che hanno più tempo da dedicare ai figli attiverebbero un maggiore controllo sulle loro abitudini alimentari, correggendo quelle sbagliate.

    Questa azione correttiva avrebbe come risultato dei figli più sani e meno obesi. Attenzione però a non esagerare. Infatti dalla ricerca è emerso che anche i figli delle casalinghe sono più a rischio obesità, probabilmente per un’eccessiva attenzione nei confronti dell’alimentazione dei bambini, che sarebbero portati a mangiare più spesso.

    Immagine tratta da: ccm-network.it

    342

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneDietaObesitàRicerca MedicaStress
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI