Bambini: la televisione e il dialogo

Bambini: la televisione e il dialogo

Tenere la televisione sempre accesa in casa mina il rapporto tra genitori e bambini, specie se i bambini sono in età evolutiva: il motivo sta nel fatto che il televisore sempre acceso porta a parlare meno e male, assopisce gli stimoli e appiattisce la comunicazione

da in Adolescenti, Bambini, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Televisione Giocare

    Televisione sempre accesa non fa rima con famiglia, avere il potente mezzo di comunicazione sempre attivo, anche se a volume basso, crea uno stato di dialogo a metà tra la vera comunicazione e l’indifferenza. Da cui il consiglio a rispettare alcune ore di sereno silenzio in casa, da dedicare solo ai propri figli o al proprio partner.

    La televisione perennemente accesa è un fatto che riguarda parecchie famiglie in Italia, che sono portate ad accendere la tv al mattino a lasciarla sempre correre sui suoi programmi. E’ pur vero che si guarda con occhio distratto e si ascolta più per compagnia, ma quando ci sono dei bambini o dei giovani in casa, oltre che essere diseducativo atteggiamento, causa un rapporto meno profondo con i propri cari. Non è difficile sperimentare quanto sia vero che rimanere per qualche ora in silenzio aiuta a parlare tra i membri della famiglia.

    I ricercatori hanno osservato dei gruppi anonimi su commissione della Università del Massachussets (Usa), e hanno concluso con certezza che questa consuetudine ha un forte effetto negativo sull’interazione tra i genitori e i bambini più piccoli.

    Già in precedenza era stata fatta nota di come la televisione sempre accesa possa causare dei problemi nel gioco e nello studio ai bambini più piccoli, che difficilmente riescono a non sentire il rumore e il ronzio continuo, ma nessuno studio aveva valutato quante ore di dialogo fossero cancellate dal televisore, questo studio al contrario ha definito proprio questi range.

    L’esame è stato condotto su cinquanta bambini ed è stato reso noto attraverso la pubblicazione della rivista “Child Development”, che studia il comportamento dei bambini tra l’uno e i tre anni.

    Il risultato è che la quantità e la qualità del dialogo nelle famiglie dove la televisione non rimane accesa per ore è decisamente maggiore e migliore.

    Le immagini sono tratte dal portale Universo on line

    394

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBambiniRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI