Bambini: indicare per apprendere il linguaggio

Bambini: indicare per apprendere il linguaggio

Una ricerca americana ha dimostrato che i bambini che indicano e gesticolano sono più facilitati nell’apprendimento del linguaggio

da in Bambini, Linguaggio, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    bambini

    Spesso vediamo i bambini indicare persone e oggetti. Quest’azione apparentemente semplice e priva di significato ha invece una funzione molto importante, perché aiuta i più piccoli nell’apprendimento del linguaggio. Un gruppo di psicologi guidato da Meredith Rowe, dell’Università di Chicago, è riuscito a dimostrare attraverso uno studio che i bambini, i quali hanno una maggiore propensione ad indicare e a gesticolare, quando raggiungono l’età scolastica, possiedono un vocabolario molto più ampio rispetto a quelli meno propensi ad usare i gesti per comunicare.

    Lo studio è stato pubblicato su “Science” e ha preso in considerazione 50 famiglie. Sono stati registrati dei video che riprendevano l’interazione di bambini di 14 mesi con i genitori durante lo svolgimento di attività domestiche. Dall’analisi di queste interazioni è risultato che i bambini che facevano parte di famiglie che presentavano un reddito alto e un buon livello di istruzione erano in grado di utilizzare i gesti, per comunicare 24 significati diversi.

    I bambini che invece appartenevano a famiglie con un livello culturale più basso e con un reddito non molto elevato usavano le indicazioni attraverso i gesti per esprimere 13 significati diversi.

    Il primo gruppo di bambini tra l’altro nei test lessicali scolastici riportavano punteggi più alti rispetto a quelli che facevano parte del secondo gruppo.

    La funzione importante dell’indicare nello sviluppo del linguaggio risiederebbe nel fatto che il genitore nomina l’oggetto indicato dal bambino, permettendo in questo modo di fissare nella mente la parola designante la cosa attraverso un processo di associazione facilitato.

    Immagine tratta da: it.dreamstime.com

    318

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniLinguaggioPrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI