NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Bambini: con l’ormone delle crescita 20 cm più alti

Bambini: con l’ormone delle crescita 20 cm più alti

L'ormone della crescita è stato spesso oggetto di discussioni fondamentali sulla opportunità di trattare la ghiandola ipofisaria per la sua funzionalità: un nuovo esperimento ha ottenuto insperati risultati

da in Bambini, Ormoni, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Ormone_Della_Crescita

    La Somatotropina è un ormone noto anche con l’abbreviazione GH del nome inglese growth hormone cioè ormone della crescita, è un ormone proteico non nuovo alle orecchie dei lettori di TantaSalute: l’esperimento per valutare la sua influenza sulla crescita ha fatto parlare di sé per le sue imprevedibili conclusioni ottimistiche a più riprese, e la sua conclusione ha avuto risultati inaspettati in fatto di centimetri che si possono guadagnare seguendo le cure ormonali su bambini affetti da malattia della crescita.

    Le cure basate sulle potenzialità di questo ormone hanno origini negli anni sessanta, ma la loro affidabilità è aumentata con il tempo, con la ricerca e la specificità dell’uso, negli anni. Si pensi che il disturbo di deficit della crescita attualmente è arginabile, arrivando a riconquistare nel soggetto malato anche 20 centimetri circa. Questo non vuol dire che i bambini “bassi” devono sottoporsi a cure ormonali dall’infanzia obbligatoriamente, ma significa che possono assumere l’ormone somatotropo STH, ormone prodotto dall’ipofisi, per curarsi, qualora ne siano privi, qualora non abbiano una buona attività ghiandolare nel produrlo.

    Che succede nell’organismo: la secrezione naturale di questo genere di ormone aiuta a crescere lo scheletro e i tessuti molli, la sua mancanza causa gravi carenze all’organismo stesso, che si traducono nel conosciuto disturbo della crescita. I ricercatori del Goteborg Pediatric Growth Research Center dell’Università di Goteborg, in Svezia, hanno cercato di capire quanto è possibile trasformare il percorso naturale del corpo umano somministrando l’ormone.

    Va menzionato però che il suo sovradosaggio può causare effetti collaterali anche gravi, come il diabete, le cardiopatie, l’ipertensione, l’artrite, la crescita delle ossa corte, del fegato, della lingua, in maniera abnorme, per questo è bene fare attenzione a come si somministra e a come si segue la prescrizione ormonale, tenuto conto che va fatta su bambini in tenera età.

    La ricerca svedese, effettuata su bambini malati e sani, è riuscita a ottenere risultati che si attestano dai nove ai venti centimentri.

    Il test è stato effettuato attraverso l’osservazione della durata di vent’anni circa, e questa esperienza, a differenza delle classiche sperimentazioni, ha valutato una somministrazione ormonale di due diversi tipi e quotidiana, randomizzata su categorie di bambini non necessariamente carenti di attività ipofisaria. Non necessariamente infatti i bambini bassi sono malati, possono essere meno alti per un fatto genetico, per un problema non collegato all’ipofisi, per una crescita lenta o tarda.

    Fonte: Corriere.it

    467

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniOrmoniPrimo PianoRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI