Bambini: come proteggerli dalle sostanze pericolose della casa

Bambini: come proteggerli dalle sostanze pericolose della casa

Uno studioso canadese ha stilato un documento molto importante, che contiene cinque regole base per difendere i bambini dalle sostanze tossiche che possono essere presenti in casa

da in Bambini, Cervello, In Evidenza, Prevenzione
Ultimo aggiornamento:

    bambini sostanze pericolose

    I bambini possono essere protetti da sostanze pericolose presenti in casa seguendo delle semplici regole. La necessità di seguire queste ultime dipende dalla presenza, all’interno della nostra casa, di componenti pericolosi e tossici, che rappresentano una vera minaccia per i più piccoli. Proprio per questo occorre prendere qualche piccolo e semplice accorgimento per difenderli.

    Il documento che contiene queste regole è stato diffuso, online, dagli studiosi della Canadian Partnership for Children’s Health and Environment. La prima regola è quella, secondo il dottor Bruce Lanphear della Fraser University, autore del documento, di ridurre il più possibile la polvere. Infatti, spolverare con un panno umido, riduce la quantità di polveri sottili, che possono contenere sostanze tossiche, come il piombo. Purtroppo, questo elemento è presente, in percentuali diverse, in tutte le case, che possono causare dei danni gravi al cervello. Queste pulizie devono essere condotte utilizzando dei prodotti naturali, insomma i vecchi “rimedi della nonna”, anche se non profumati come i classici detergenti.

    Un’altra regola è quella di allontanare i bambini quando si eseguono lavori dentro casa, soprattutto se si usano vernici, colle, solventi, anche perché i loro contenuti possono essere dannosi. La quarta regola è quella di non utilizzare, durante i pasti, oggetti di plastica, come piatti, bicchieri, contenitori in genere. Un’ultima regola riguarda il pesce, infatti, bisogna evitare quello di mercurio, come può essere il tonno in scatola, mentre è necessario preferire altri pesci come sgombri e trote.

    312

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniCervelloIn EvidenzaPrevenzione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI