Bambini: anche in Italia il ritiro degli sciroppi pediatrici della tosse?

Bambini: anche in Italia il ritiro degli sciroppi pediatrici della tosse?

Dopo l'eco della notizia che in Francia si è proceduto al ritiro degli sciroppi pediatrici per la tosse, anche in Italia ci si interroga sulla stessa opportunità o meno, intervenga dunque il nostro Ministero della Salute

da in Associazioni Consumatori, Bambini, Farmaci, Ministero della Salute, Sanità, Tosse
Ultimo aggiornamento:

    sciroppi tosse

    Si torna a parlare di sciroppi per la tosse a proposito dell’opportunità o meno di prescriverli a pazienti pediatrici alla luce della recente disposizione dell’AFSSAPS, la corrispettiva AIFA d’oltralpe, di ritirali dal mercato se destinati ai bambini.

    Si attende a questo punto il parere da parte degli esperti italiani al fine di stabilire l’opportunità di prescrivere gli sciroppi per la tosse anche nei bambini alla luce dell’esperienza francese, perché, come sostiene l’importante Associazione dei Consumatori, Aduc, il problema degli sciroppi per la tosse nei minori è rappresentato dall’assenza di una letteratura scientifica, al pari di quella degli adulti, che ne possa testimoniare non tanto l’efficacia, quanto la sicurezza nell’uso.

    Ne deriva che, senza voler giungere ai livelli estremi francesi che, come ben sappiamo, hanno ritirato dal commercio le specialità pediatriche di questi farmaci, dovrebbe tuttavia prevalere quel minimo di prudenza nella somministrazione di tali presidi. Secondo l’Aduc, ad esempio, che ha anche trattato la materia dei fluidificanti, quasi sempre nei bambini la tosse e’ l’espressione di un tentativo di rimozione dalla faringe di muco retronasale che scola, soprattutto in posizione orizzontale e, in questo caso, sono molto più efficaci lavaggi nasali con soluzione fisiologica. Anche se la tosse fosse di origine bronchiale, come nell’asma o nelle bronchiti, in assenza di gravi malformazioni dell’albero bronchiale o di malattie genetiche respiratorie, i fluidificanti non dovrebbero essere prescritti perche’ il muco dei bambini e’ sempre molto morbido di per se’ e non ha bisogno di essere ulteriormente sciolto (semmai di essere ridotto) e, comunque, basterebbe far bere un po’ di piu’ il bambino perche’ una buona idratazione garantisce sempre una produzione di muco piu’ soffice.


    Si attende dunque anche da noi una presa di posizione del nostro Ministero della Salute che faccia luce sull’argomento.
    Fonte foto:RIZA

    386

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriBambiniFarmaciMinistero della SaluteSanitàTosse
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI